22 pensieri su “Assemblea cittadina sul no alla privatizzazione dell’acqua?

  1. utente anonimo

    Ma non hanno vergogna………?

    Menfi vive, Santa Margherita muore.

  2. utente anonimo

    L’amministrazione era presente e allora che criticate.., ma dove sono i famigerati movimenti cittadini che sotto sotto sponsorizzando il caio o il tizio, si impegnavano per i problemi cittadini.

    Gruppi di protesta, comitati di mamme e di nonni, se santa Margherita dorme, voi dove riposate? sicuramente sognate.

    Una che ha votato chi allora

    protestava.

  3. sxgiovanile

    L’amministrazione c’era, vero, ma ha fatto sapere dell’assemblea ieri sera soltanto alle 18. Il bando è passato alle 18 passate.

    In tempo?

  4. utente anonimo

    Al post 4

    Ritieni che l’A.C. abbia correttamente operato per coinvolgere i gruppi d protesta, comitati di mamme e di nonni ?

    Ritieni che l’essere il Sindaco componente il C.d.A. dell’Ato idrico (che ha affidato alla Girgenti Acque la gestione dell’acqua ) e contemporaneamente oppositore (!!) alla privatizzazione lo renda interlocutore serio e credibile ?

    C’è chi sogna e spera in qualcosa di nuovo e migliore.

    C’è, purtroppo, chi ancora non riesce ad articolare un giudizio sereno ed obbiettivo.

    Speranza

  5. sxgiovanile

    Strana una situazione che a Santa Margherita aleggia da qualche tempo.

    I bandi per le assemblee ora passano alle sei di pomeriggio per comunicare che dopo due ore c’è una assemblea, mi sembra di capire che spesso, alcune gare di appalto sempre per cause straordinarie si fanno sempre in tempi ristretti (cinque giorni) o si danno per affidamento diretto, visto che i tempi sono sempre ristretti.

    Ma può darsi che al nostro comune si lavori troppo e non riescono in tempo a sopperire a tutte le richieste di noi fatte?

    Non c’è lo siamo mai chiesti che il problema puo’ essere questo????.

    Mah, ci vorrà sicuramente un incremento di organico, e qualche ufficio in piu’, potremmo a questo punto decidere di autotassarci per incrementare queste unità lavorative che mancano.

  6. utente anonimo

    Al post numero 4

    si può rispondere che basta guardare Menfi (ed in questo blog ci sono tanti post, foto e filmati), per capire il ruolo attivo dei partecipanti ad un’assemblea cittadina.

    Ad iniziare dal Sindaco Botta: vedi filmato nel quale ha assunto una posizione limpida rispetto ai sindaci con le gambe messe di traverso…., al Clero, con padre Catanzaro che ha svolto un ruolo determinante nella sensibilizzazione della gente nelle sue APPASSIONATE OMELIE, oggi finito su tutta la stampa nazionale per il suo accorato appello nel dire no alla privatizzazione: “L’acqua è di tutti, se la Regione insiste nel volerla privatizzare sarò il primo ad accogliere con pistole ad acqua i funzionari regionali”.

    Altro che omelie sulle spese delle bollette elettriche……..

    Ma anche alle associazioni politiche e non: PAOLO CAMPO, GASPARE BONFIGLIO, e tanti altri (COMMERCIANTI E NON ) che hanno lavorato al di la degli schieramenti per non tradire le aspettative di quella comunità menfitana.

    Qui invece l’essere NE CARNE – NE PESCE – l’ambiguità , sedersi sulla poltrona dell’ATO e dall’altro cercare di convingere il popolo che DENTRO l’ATO TUTTO COSTA DI PIU’, ha sortito l’effetto devastante: la gente sfiduciata non partecipa, se ne sta a casa.

    E’ stanca di questa commedia. Basta guardare le foto di chi era presente per capire che ormai ci si e arresi a questa scelta.

    Ancora una volta le lotte di un tempo, quelle fatte da UOMINI come TRAINA, MARCHESE, GIAMBALVO (per citarni alcuni), e tanti altri, sono state vanificate da un nuovo che avanza…….. che lascia disgustati persino chi della politica non ha avuto mai a che farne.

    FILALA’ , non aveva paura ne delle denuncie , ne delle sgridate. Lo ricordo in prima fila con le bollette in mano contro chi gli intimava di pagare ad ogni costo…..

    Oggi questa passione è svanita.

    C’è proprio da chiedersi per colpa di chi?

    Giovanni L.S.

  7. utente anonimo

    Tratto da: Agrigentoweb di oggi 5-3-09

    ___________________________

    Privatizzazione dell’acqua: manifestazoine ad Alessandria

    Il 4 Marzo alle ore 8.00, in via Umberto circa 500 persone tra studenti, anziani, lavoratori e l’ Amministrazione tutta hanno dato vita ad una manifestazione pacifica contro la privatizzazione dell’acqua. Durante la manifestazione hanno preso parola Don Filippo Barbera, il Sindaco Mulè, il Vice-sindaco Alfonso Frisco, Giovanna Bubello, Gaetano Settecasi, il Baby Sindaco Vanessa Barbiera e il Consigliere Domenico Aliotta i quali hanno sottolineando le motivazione del no alla cessione della nostra acqua in mani private.

    Nella stessa giornata avrebbe dovuto insediarsi il Commissario nominato dall’ A.r.r.a, l’Ing.Bonvissuto, ma intorno alle 11.00 è arrivato presso il Comune un Fax con il quale è stato comunicato che l’attività commissariale è stata sospesa fino al 12 Marzo.

    Questo piccolo successo è dovuto all’impegno caparbio dei “Sindaci Ribelli” tra i quali anche il Sindaco di Alessandria, Dr.Mulè che il 3 Marzo hanno manifestato davanti alla sede dell’A.r.r.a a Palermo e hanno incontrato il Presidente Crosta e il Presidente della Regione Lombardo che di fatto ha ordinato a Crosta la sospensione dell’attivita dei Commissari fino la pronunciamento del C.G.A. Dunque la battaglia è ancora lunga e il Comune di Alessandria della Rocca, la Giunta presieduta dal Sindaco Mulè e il Consiglio Comunale nella sua interezza (Maggioranza e opposizione) assieme al Comitato Civico continueranno la battaglia e “la resistenza civile” per non consegnare le reti al gestore privato. Ieri è iniziata la firma per la petizione popolare e in poco meno di 2 ore sono state raccolte piu’ di mille firme. Chi vuole firmare la petizione puo’ recarsi presso il Comune. “Non passeremo alla storia come gli amministratori che hanno ceduto l’acqua ad un gestore privato inefficiente, se è necessario faremo anche le barricate ed individueremo forme di proteste eclatanti, ma l’acqua rimarrà pubblica ad Alessandria” ha dichiarato il Consigliere Aldo Bondì.

  8. utente anonimo

    tratta da AGrigentonotizie.it di oggi

    ____________________

    Assunzioni, Girgenti acque incontra i sindacati

    Domani, alle 11, nella sede di Confindustria, Girgenti Acque ha chiesto di incontrare i responsabili delle organizzazioni sindacali per definire l’Accordo quadro propedeutico alla definizione del percorso che dovrà portare alla stabilizzazione dei lavoratori (circa 60) non garantiti dalla legge e impiegati dalle ditte che avevano in appalto la manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di depurazione e potabilizzazione.

    Questi lavoratori, tra l’altro, non risultano nell’elenco del censimento tra gli aventi diritto fatto dai comuni della provincia di Agrigento e dal Consorzio di Ambito. Girgenti Acque, proprio per non disperdere la professionalità presente nell’intero territorio della provincia di Agrigento, ha già da tempo avviato il confronto con le organizzazioni sindacali per individuare le linee guida da inserire nell’Accordo quadro. L’Accordo ha la finalità di consentire l’assunzione del personale individuando un percorso che parta dall’assunzione a tempo determinato per arrivare all’assunzione definitiva, senza per questo gravare sulla tariffa.

    ______________________

    ECCO PERCHE’ TUTTI I GIOCHI SONO FATTI…. ed i sindacati sono a favore della privatizzazione…

    ——————

  9. utente anonimo

    Caro commento 4, non ho ancora capito se tu ci sei o ci fai…..

    Secondo me l’assemblea cittadina di ieri sera, la possiamo annoverare fra i numerosi flop di questa amministrazione. Infatti, si è vero loro erano tutti presenti, a parte qualche ass. dell’udc, ma alla fine compresi gli amministratori c’erano una “quarantina” di persone. Bene allora ti spiego il perchè:

    1. non si può avvisare la cittadinanza 2 ore prima della manifestazione: infatti l’abbanniaturi era in giro alle 6. Purtroppo anche in questo caso hanno dato esempio di come non si organizza una manifestazione.

    2. i cittadini sono stanchi di queste ambiguità… ma a chi volete prendere per i fondelli? Il sindaco in poche parole con chi sta? E’ contro o a favore? Ieri sera si è espresso? Se è a favore, perchè organizza e partecipa alle manifestazioni? Se è contro perchè non si dimette dal CDA?

    Se davvero i presenti di ieri sera sono contrari, allora consiglio loro di andare a lezioni dei loro colleghi di Menfi, Sambuca e Montevago, mentre se sono contrari, che lo ammettano e la finiscano con ste buffonate…..

    L’acquarolo

  10. utente anonimo

    A menfi il prete organizza la protesta con le pistole ad acqua e fa suonare le campane a morte

    A santa margherita l’unico pensiero è organizzare la settimana santa con 100 e più figuranti. Se li avessero portati al teatro ieri sera si sarebbe riempito. E invece tra li lampi e li trona c’eranu sulu quattru cani e du iatti.

    E nel frattempo l’acqua è spiruta, si la futteru a girgenti

    Agneddu e sucu e finiu lu vattiu

    PS. Informate don Raso di ainchisi li biduna picchì d’ora in poi si paga puru l’acqua biniditta

  11. utente anonimo

    Condivido il post 4.

    Ma se prima molti uomini della politica trasversale locale lottavano contro la chiusura dell’ospedaletto e per altre giuste cause, ora dove sono…? Occorre che si mobilitino per virtù di un bando pubblico o per essere convocati da una amministrazione inefficente o complice? Vi sembra strana o sbagliata questa modesta e semplice considerazione?

    Meditate gente.

    Quattro

    (quattro e non Quaranta)

  12. utente anonimo

    Al post 4 ed al post 16:

    visto che siete lungimiranti

    domandatelo all’ex assessore Rino Maggio… e non solo per non fare altri nomi….. che puta caso ieri sera non era presente…. forse perchè impegnato assieme al comitato mamme e dei nonni a ritinteggiare le inferriate dell’ospedaletto, già arrugginite, visto che di giorno è chiuso per sempre……

    DUM

  13. utente anonimo

    Le battaglie per il raggiungimento di un fine comune si portano avanti al di là delle appartenenze politiche.

    Come per l’ospedale, bisognava coinvolgere tutto il paese, senza appartenenze e senza distinzione di colore politico, affinché si organizzasse una manifestazione massiccia e che facesse sentire la sua voce a livello regionale. Invece, l’assemblea che si è organizzata ha fatto solo notizia perché al teatro non c’era NESSUNO. Notizia di Tele Radio Sciacca di stamane.

    E’ stata pressappoco come una spensierata chiacchierata al bar. Non si può pensare di organizzare una assemblea due ore prima dal suo inizio. E’ sintomatico il fatto che la gente se ne frega degli inviti di questa amministrazione. Vedere la platea del teatro vuota, quando sul palco si stava recitando una delle migliori rappresentazioni santoriane, è stato uno spettacolo angosciante.

    Tutto ciò è semplicemente ridicolo e figlio del “modus operandi” di questa gente.

    Evidentemente chi agisce in questo modo ha interessi affinché l’acqua, da bene pubblico, venga privatizzata.

  14. innocenzop

    Finira’ che ce la faremo ma perche’ ,l’inerzia dei Sindaci con la S maiuscola ci porteranno a voncere la battaglia….

    Non è cosi’ che si conducono le battaglie. Il conflitto di interessi è una cosa difficile da gestire a chi ha una coscienza politica seria….

  15. IlMovimento

    COMMENTO PRECEDENTE MODERATO

    ***************************

    il nostro sindaco nonchè ex sindacalista che ha sempre saputo coinvolgere i cittadini con le sue xxxxxxxxxx non è stato in grado di convocare una assemblea cittadina

    su un argomento così delicato e che coinvolge tutti sulla privatizzazione dell’acqua, complimenti .

    ***************************

  16. utente anonimo

    Ma certo, come no?

    Privatizzare pure l’acqua:si puo’, si puo’.

    E perchè il sole e l’aria no?

    E magari la luna e il cielo

    E stendere sull’umano decoro un pietoso velo.

    “Ma l’acqua è un bene prezioso, di tutti”

    Protestava la povera gente che voleva ancora l’acqua alla sorgente.

    Non capiva, come sempre, la logica del Palazzo.

    “Siamo assetati di giustizia, l’acqua resti di tutti: come il sole, il vento, la luna”.

    Così sempre sia e buona fortuna.

    Enzo Sciamè

  17. utente anonimo

    Ma mi chiedo, i signori del Comune hanno pubblicizzato l’evento o come sempre lo sanno “a l’amici amici”!

I commenti sono chiusi.