Archivio tag: – SMB al Comune

Programma condiviso: quello del 2007 (prima puntata)

Programma condivisoAbbiamo deciso di pubblicare, anche viste le richieste di alcuni nostri amici e "osservatori", il nostro programma per Santa Margherita di Belìce, da noi redatto per le elezioni del 2007 e che ancora oggi, vista la quasi nulla attività della giunta Santoro, è valido in tante sue parti.
Le necessità del 2007, infatti, sono le stesse di oggi; e altre se ne sono aggiunte, per questo in alcune sue parti, il nostro programma è già stato modificato e aggiornato; e sempre per questo motivo, chiediamo a voi un aiuto, con i vostri consigli e le vostre segnalazioni, che potete farci tramite tutti i canali a vostra disposizione:

– Tramite il nostro blog e una mail all'indirizzo: [email protected];
– Tramite il nostro contatto Facebook;
– Fermandoci semplicemente per strada e dialogando con noi.

Il nostro programma 2007 sarà pubblicato in due diverse puntate (oggi e lunedì prossimo).
Oggi iniziamo pubblicando gli aspetti amministrativi e organizzativi.
 
CONSIGLIO COMUNALE E INFORMAZIONE
Con questo modo di fare si vuole altresì ridare il giusto spazio e vitalità al ruolo del consigliere comunale ultimamente completamente appiattito dalla logica clientelare posta in essere. Si vuole mettere in risalto come il saltare dal banco della maggioranza a quello dell’opposizione abbia determinato una stasi amministrativa che ha comportato una arretramento del paese ormai palesemente visibile anche ai più scettici.
Si chiede anche, che la tanto declamata comunicazione continua tra il settore amministrativo e la popolazione possa realmente essere posta al centro dell’attenzione: i comizi, le informazioni e i periodici che ci erano stati promessi sono stati per quattro anni una mera illusione! A questo proposito noi vogliamo che oltre ad essere operativi in tal senso si dia una scossa al sistema con la pubblicazione costante dei verbali dei consigli comunali direttamente in rete, si da essere più facilmente reperibili da chiunque, anche a distanza. Pensiamo che prendere in considerazione una simile proposta possa anche stimolare un più acceso e costruttivo contraddittorio anche in funzione della maggiore relazione tra pubblico e privato che chiediamo con tenacia.
 
UN NUOVO ASSESSORE
Nella nostra idea c’è la possibilità di prevedere un nuova delega per un assessore; una figura nuova con delle mansioni nuove e più specifiche: l’assessore al personale. Si tratta di un responsabile di tutta la forza lavoro a carico dell’ente comunale, e quindi del contribuente, che possa dar vita a dei piani programmatici sui lavori da svolgere e possa tenere sotto controllo l’evoluzione degli stessi, che si occupi delle emergenze in modo specifico e puntuale, con grossa tempestività e massima serietà, nel pieno rispetto delle esigenze della collettività e delle esigenze del personale. Detta figura dovrebbe, secondo noi, curare il rapporto con il personale del comune, occuparsi della pianta organica, dare slancio all’attività degli impiegati, attività di controllo nei confronti degli uffici. Nell’ipotesi in cui si materializzasse la nostra idea, sarebbe inoltre un garante di celerità ed operosità mai visto nell'ambito de nostro comune.
 
SPESE AMMINISTRAZIONE
Per dare un taglio alle spese locali e di conseguenza alle imposte, si propone una riduzione sostanziale del numero di esperti di cui si avvale l'amministrazione, ed una riduzione sensibile dei compensi per i componenti la giunta, una sensibile percentuale di decurtazione ci sembra un buon monito; si può ancora controllare la spesa limitando l'uso di cellulari personali per gli amministratori.
Quanto detto non potrà certo risolvere la situazione economica del comune, ma servirebbe a dare un segnale non solo di serietà e trasparenza, ma anche a dimostrare le capacità di ciascuno.

ORGANIZZAZIONE UFFICI COMUNALI
A questo proposito si chiede anche il potenziamento dell’Ufficio Relazioni col Pubblico, al quale ormai si demanda gran parte delle operazioni di front-office. Tutte le strutture sia pubbliche che private godono di un sostanziale alleggerimento delle operazioni loro demandate laddove vi sia un funzionale URP; a questo vediamo anche legato indissolubilmente l’incremento della tecnologia messa a servizio della gente. Deve essere più facile avere accesso alle informazioni necessarie a qualsiasi tipo di utenza direttamente dai propri terminali di casa, deve essere più agevole avere informazione via internet (laddove richieste) e devono essere semplificate le procedure per potere scaricare direttamente dal portale del comune tutti quei documenti o prospetti richiedibili on-line. Per raggiungere questo obbiettivo si deve dar vita ad una rete informatica tra i vari uffici del comune in modo tale che si possano condividere dati e risorse. Ma la sola rete informatica non basta, bisogna ripensare totalmente la gestione del lavoro all’interno degli uffici per meglio adattarla all’utilizzo degli strumenti informatici affidandosi ad esperti nel settore dell’ingegneria gestionale e della pubblica amministrazione; è necessario inoltre organizzare dei corsi di formazione per il personale comunale. Una idea per aumentare la qualità dei servizi erogati dagli uffici comunali è quella di creare un rapporto diretto fra l’utenza e gli uffici del comune. Ogni utente al termine di ciascuna operazione potrà lasciare un
feed-back che sia una valutazione del servizio, in modo da dare la possibilità a ciascun capo area, in tempo reale di monitorare il traffico relativo di ciascun settore ed avere una valutazione oggettiva da parte dell’utenza su come giudicare il servizio in
modo da praticare quegli aggiustamenti necessari a venire incontro alle esigenze della gente. Sarebbe questo un sistema adottabile anche attraverso il mezzo cartaceo che andrebbe a surrogare la mancata di possibilità di una parte dell’utenza di accedere ai servizi previsti via internet e che quindi continuerebbe a rivolgersi alla struttura con il canonico front-office.
Per finanziare una simile iniziativa, il movimento propone innanzi tutto di dare una taglio netto alle spese comunali e a quelle voci di bilancio rintracciabili solo come “sperpero di denaro pubblico”!

POLIZIA MUNICIPALE
Infatti si chiede un maggiore attenzione e responsabilizzazione delle forze di Polizia Municipale, si chiede una maggiore intransigenza di queste nel far osservare ai cittadini la legge; vorremmo un centro cittadino più ordinato e più sicuro, senza considerare che si dovrebbe intervenire sull’alta velocità nelle ore notturne nel centro del paese prima che qualche spiacevole fatto di cronaca ci imponga una simile riflessione.

Biglietto di presentazione !! ……

L'ingresso del paese, di solito è uno degli elementi piu curati, villette, piante e fiori, statue e simboli, insomma, come si dice, di solito è il biglietto di presentazione……..
Il nostro biglietto di presentazione sembrava stesse per diventare una cosa seria, un grandissimo simbolo proprio non appena si arriva dalla strada statale, una bella ?!? rotatoria, piante, fiori, acqua che non mancava…….eppure questo è lo stato di abbandono, proprio nei mesi piu particolari dell'anno, parliamo di Novembre e Dicembre che con il suo natale dovrebbe riempire le strade di luci e di colori.

munnizza2

Rangers d'Italia: le foto della discarica di amianto

repoQualche giorno fa abbiamo pubblicato l’articolo di un quotidiano in cui si parlava di una segnalazione effettuata dai Rangers d’Italia Nucleo di Santa Margherita e Montevago, su una discarica abusiva di amianto nel territorio di Santa Margherita di Belìce. Continua a leggere

Rangers d'Italia: discarica abusiva di amianto a Santa Margherita di Belìce

Riceviamo dai Rangers d’Italia Nucleo di Santa Margherita & Montevago e pubblichiamo l’immagine di un articolo di giornale su una discarica abusiva di amianto nel territorio di Santa Margherita di Belìce. Segnalazione Discarica Abusiva Di Eternit

Mercato dei fichidindia: vergogna!

piante%20di%20ficodindia(2297) Dopo 4 anni dell'amministrazione del Pane, Lavoro e Prospettiva, del sindaco di tutti, del sindaco sindacalista, del sindaco agricoltore, amico degli agricoltori, e dei suoi pupilli della sollevazione delle acque, del rilancio della zootecnia, del successo del fichidindia, noi abbiamo solo una parola: VERGOGNA!
Vergogna perchè dopo tutto questo tempo non si è ancora pensato di affrontare il problema del mercato del ficodindia.
Non c'è ancora un posto destinato solo allo scambio, non c'è nessun tipo di vigilanza e soprattutto, non c'è alcun tipo di tutela.
Abbiamo provato a fare un giro noi stessi in C/da Cannitello, dove ormai da decenni si vendono e si comprano ficodindia e siamo rimasti sconvolti. Una "gabbietta" di ficodindia, del peso approssimativo di Kg 20, viene venduta tra i 6 e i 10 euro.
6 euro!!
Ma come si rilancia il ficondindia con questi prezzi?
Vergogna!

Cosa avrebbe potuto fare l'amministrazione, ancora memore degli anni passati e dei prezzi passati: riunire tutti i produttori/venditori di ficodindia e provare a convincere tutti a remare dalla stessa parte, di imporre almeno un prezzo minimo più elevato, per salvarci dalla presa in giro dei compratori "estranei" che poi si rivendono il ficodindia a € 2, 3 e anche 4 al Kg.
A conti fatti, una gabbietta viene comprata a € 6/10 e viene rivenduta a oltre € 40/60.
Vergogna!

Inoltre, progettare la Sagra del ficodindia a fine stagione di produzione, come l'anno scorso e poi sentire l'Assessore al ramo lamentarsi in radio (in occasione della Fiera sulle onde di Radio Futura Network) che nessun produttore voleva portare ficodindia alla Sagra, è sconcertante. Quale ficodindia si doveva portare a stagione ormai finita? Quale rilancio deve avere una Sagra fatta quando ormai le fichidindia scarseggiano? I pochi "turisti" presenti, anche se avessero voluto, cosa avrebbe potuto comprare? Potevano al massimo ordinare le fichidindia per il prossimo anno! Noi da sempre diciamo che a Roccapalumba (PA) ci sanno fare. Qui sanno solo parlare! (e neanche questo a volte!)
Vergogna!
 
Ed infine, noi non siamo soliti a prendercela con i nostri compaesani agricoltori, già appesantiti dalla crisi della viticoltura e dell'agricoltura in genere, però stavolta vogliamo dirlo: Riflettete anche voi! Svendere a così basso prezzo, 6 euro, il nostro prodotto più tipico e raro… Ma ci rientrate delle spese con questi 6 euro??!?
Non solo vi impoverite perchè ci rimettete, ma per di più arricchite chi specula sul prezzo!

 
Siamo senza parole!

Ignazio Abate nuovo Vice Sindaco a S. Margherita Belìce

276329_100000171114042_4030849_n(2293) Dopo le dimissioni dell'assessore Baldo Cacioppo, tardive e sospettose a parer nostro, arriva la nomina a Vice Sindaco dell'Architetto Ignazio Abate.
All'Architetto vanno i nostri auguri di buon lavoro. al servizio di tutta la comunità di Santa Margherita di Belìce.

Abolizione dei Tribunali minori

IPSE%20DIXIT(2288) Riportiamo, parola per parola, un articolo del sito Agrigentonotizie: Sulla questione dell’abolizione dei Tribunali Minori, i sindaci del Belìce propongono uno strumento alternativo all’ultimo documento predisposto dal Consiglio comunale di Sciacca.  "Il nostro Consiglio comunale – ha dichiarato il presidente Ventimiglia – più che discostarsi dal documento, ha preferito predisporre uno strumento concreto al fine di evitare che mentre ci si attarda a formare commissioni, comitati, incontri ed altro, non riuscendo ad offrire nulla di concreto in alternativa alle disposizioni e agli indirizzi attualmente in vigore, si finisce con il concorrere all'applicazione dei detti indirizzi e disposizioni. Quindi, mentre il medico studia, il malato muore!" In merito agli incontri che dovrebbero avvenire tra il comitato permanente di Sciacca, i parlamentari Marinello, Messina, Ruvolo, la Commissione presso il Ministero della Giustizia ed anche con il Presidente Fini interviene il sindaco di Santa Margherita che dichiara:  "Ben vengano. Ma, a Marinello, Messina, Ruvolo e al Presidente Fini, si potrà chiedere, in termini realistici, di intervenire per favorire il territorio di Sciacca a danno di altri territori? Ritengo di no. E, per di più, non dimentichiamo che questa battaglia e' stata già persa nei confronti del Tribunale e del territorio di Termini Imerese. Pertanto, errare è umano, perseverare è diabolico. Ma il presidente della Camera potrà entrare in queste scelte che comporterebbero una sequela di diatribe tra i territori dei Tribunali? Ritengo di no – ribadisce Santoro – Al presidente Fini, invece, si potrà chiedere, legittimamente, di iscrivere all'ordine del giorno la discussione della proposta di legge di iniziativa popolare da me e dagli altri sindaci del Belìce presentata, il 29 settembre 2011. Ritengo infatti che il Presidente Fini, avendo a cuore la Giustizia, dovrebbe portare la proposta in aula. Tanto più che tale proposta proviene da quella presentata nel 1996 e nel 1997 da alcuni parlamentari di An, con l'approvazione del partito di cui Fini era il massimo e più autorevole rappresentante".

 

"Nella riunione, presso il Comune di Sciacca del 7 settembre scorso, tra i sindaci del circondario giudiziario del Tribunale, – continua Santoro – ho avuto modo di conoscere sia la proposta di ampliamento del territorio e delle specialità e viabilità dello stesso, che la mozione a firma degli avvocati Salvino Barbera e Paolo Imbornone, esposta da quest'ultimo. A questo punto, ho realizzato che, diversamente dai buoni propositi e dalle speranze evidenziate in assemblea, la proposta illustrata dall'avvocato Imbornone era organica e concreta e, pertanto, ho ritenuto che potesse realmente fronteggiare e paralizzare, al di la delle chiacchiere, l'abolizione dei Tribunali Minori, compreso quello di Sciacca. Pertanto, con la fattiva collaborazione del Presidente del Consiglio Comunale, Ventimiglia, considerata l'urgenza del caso e responsabilmente compenetrati nelle necessita' economiche e sociali della nostra popolazione, abbiamo immediatamente deliberato di approvare in Consiglio Comunale, all'unanimità, la proposta di legge di iniziativa popolare che, con la sensibilità dei sindaci di Menfi, Montevago e Sambuca, e' stata già depositata presso la Suprema Corte di Cassazione".

In conclusione Santoro si propone di chiedere ai Parlamentari e al Presidente Fini: "Che intervengano immediatamente per sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare e, quindi, di inserirla all'ordine del giorno per discuterla ed approvarla rapidamente, con gli emendamenti, aggiustamenti e aggiornamenti del caso, posto che,  allo stato, e' l'unico strumento in loro possesso per salvaguardare i Tribunali Minori  dall'incombente abolizione".

Vox Populi, Vox Movimenti

vox-populi-filmposter(2283) Chiaramente manca l'ufficialità ancora ma sembra che il nostro scoop di qualche giorno fa si sia rivelato esatto. Ieri e anche stamattina tra le vie di Santa Margherita di Belìce correva la voce delle reali dimissioni del vicesindaco Baldo Cacioppo. Addirittura, c'è chi dice che le dimissioni comprendono anche la carica di Assessore. In poche parole, secondo la gente, Cacioppo si è dimesso sia da vicesindaco che da assessore della giunta Santoro.
Bel colpo, diremmo noi!
Stamattina, c'era anche chi esagerava e diceva che tutta questa storia non è altro che una mossa per le prossime elezioni: abbandonare la nave che affonda (e che non è mai salpata) per salire poi sul carro del prossimo vincitore (o candidato tale).
Noi ci limitiamo a riportare solo tali voci perchè si sa: Vox populi, vox dei!

a questo punto si apre il totoassessore: come già anticipato, Ignazio Abate sarà promosso a vicesindaco. Chi però prenderà il posto di Cacioppo per la carica di assessore al turismo, spettacolo, varietà e magia?
Noi qualche suggerimento l'avremmo:
– il cavallo di Caligola;
– il mago Oronzo;
– Rin Tin Tin;
– Scooby Doo.

(Tutti altamente referenziati come da prassi…)

UdC: Vicesindaco Cacioppo nominato coordinatore locale

Santa_Margherita_di_Belice-Stemma(2271) Dal sito Agrigentoweb e da questo articolo in particolare (qui) scopriamo che il nostro vicesindaco Baldo Cacioppo è stato nominato coordinatore locale dell'UdC.
Lo immaginavamo già ma adesso abbiamo la conferma ufficiale che a Santa Margherita di Belìce siamo avanti coi tempi. Si realizza l'alleanza (PD – UdC – MPA) che si sta provando da mesi e mesi di fare anche su scala regionale e nazionale.
E pensare che c'è gente che pensa che… la Santa Alleanza!

Per i fichidindia ancora Roccapalumba? e a S. Margherita….

321310_1917960120648_1591355116_31575795_3754516_n(2267) A Roccapalumba, in provincia di Palermo, come si evince dal loro sito istituzionale, stanno lavorando per la nuova edizione della Sagra del Ficodindia.
E a Santa Margherita di Belìce che si fa?
Noi un'idea l'abbiamo però ce la teniamo per noi.
Siamo curiosi piuttosto di sapere la vostra e di sapere, soprattutto, l'idea dei nostri Amministratori.

Solo una considerazione: negli anni scorsi, quando si è fatta (e non è stata fatta sempre), è sempre stata organizzata tra fine mese di ottobre e inizio novembre, quando ormai la produzione di ficodindia era agli sgoccioli. Ciò determinava scarsezza di prodotto disponibile, sia per la sagra in sè sia per i compratori interessati.
E quest'anno?

Porta Nuova, che fare? Santa Margherita Belice

Ciclismo_che_passione_x_S_Rosalia_(1)(2260) Oggi vogliamo mostrare le foto di come si presenta il nostro paese a chi arriva dallo scorrimento veloce Palermo-Sciacca e con l'occasione, vogliamo porre alcuni interrogativi a chi ci segue e ci può dare informazioni in merito.

Più precisamente, ci rivolgiamo all'Ufficio Tecnico del Comune di Santa Margherita di Belìce (che ci segue con interesse e a cui siamo grati per le risposte ricevute in passato), ai consiglieri di maggioranza, ai consiglieri di opposizione e anche alla Giunta Comunale (che fa finta di non seguirci). 
Da loro vogliamo chiarimenti e anche spiegazioni sulle varie competenze e idee a riguardo.

– Di chi è la competenza della "manutenzione e della conservazione" dei segnali stradali in tale area?
Montevago-20110911-03398 Montevago-20110911-03398 

– La proprietà dell'immobile sito all'ingresso (a Porta Nuova per intenderci) è pubblica o privata? Deve rimanere ancora per molto tempo puntellato? Esistono progetti o idee di restauro e messa in sicurezza?

Montevago-20110911-03398
Montevago-20110911-03398 Montevago-20110911-03398

Referendum contro la legge elettorale Porcellum

referendum_legge_elettorale(2254) Da qualche giorno è iniziata la campagna referendaria per la raccolta delle firme necessarie per richiedere il referendum abrogativo del famoso Porcellum, la legge elettorale ideata dal ministro Calderoli che ha tolto a noi cittadini il potere della preferenza, distaccando così in modo netto, il cittadino elettore e quindi rappresentato dal proprio eletto e quindi rappresentante.

I quesiti presentati sono due. Il primo, totalmente abrogativo, prevede la cancellazione di tutte le modifiche apportate dalla legge Calderoli al sistema elettorale. Il secondo, basato sul metodo dell'abrogazione parziale, si basa sull'eliminazione di particolari disposizioni della legge elettorale vigente.

L'obiettivo è lo stesso per entrambi: dire addio alla legge porcata, eliminando tutti i suoi principali contenuti. Ovvero: liste bloccate, premio di maggioranza, distribuzione proporzionale dei seggi, soglie di sbarramento. Un'operazione che riporterebbe in vita la legge elettorale in vigore fino al 2005, il cosiddetto Mattarellum, che aveva permesso all'Italia, per la prima volta nella sua storia politica, l'alternanza degli schieramenti di governo. E per l'elettore era possibile scegliere direttamente il candidato del proprio territorio.

A Santa Margherita di Belìce, per firmare, ci si può recare presso l'ufficio URP del Comune.
Il sindaco Botta, di Menfi, ha fatto sapere che si può firmare presso i locali del Comune.
Dei paesi limitrofi non abbiamo notizie. Chiunque sapesse qualcosa in più, ci faccia sapere.

Approvato il consuntivo 2010 a S.Margherita Belìce

r(2250) di Francesco Graffeo….

Approvato dalla maggioranza il conto di bilancio, il conto economico e patrimoniale consuntivo dell’anno 2010. Astenuta la minoranza consiliare. L’approvazione arriva dopo la sollecitazione del commissario ad acta, Leonardo Iannuzzo, nominato dalla Regione, che sul punto aveva scritto ai consiglieri. Votata la sostituzione del componente dimissionario Francesco Genco, in rappresentanza della maggioranza consiliare, facente parte della Commissione ex art.5 sulla ricostruzione post terremoto. Eletto al suo posto il vicepresidente del consiglio Pasquale Ambrogio. In dibattito anche le interrogazioni presentate dalla minoranza sul mercato del contadino e sulla villa comunale la passeggiata. Su tutte e due le interrogazioni, ritenute dalla minoranza “molto evasive le risposte dell’amministrazione” che le ha liquidate con pochissime righe. Comportamento questo fortemente criticato dalla minoranza che ha accusato “il Sindaco di non rispondere mai in maniera circostanziata alle domande poste”. Votata all’unanimità la mozione sulla proposta di legge per la modifica dell'art.36 dello Statuto Speciale della Regione Siciliana riguardante il   federalismo fiscale e approvato l’ordine del giorno a seguito consultazione referendaria del 12-13 giugno 2011 sulla ripubblicizzazione dell' acqua

Riapertura della Villa e dei Musei (?) a S.Margherita Belìce

Villa divieto(2242) Falso allarme! Pericolo scampato!
Siamo salvi!
Dopo la notizia dell'apertura della Villa Comunale che il sindaco Santoro ha dato non più tardi di 3 giorni fa (e diciamo 3), immense folle di persone, bambini, donne e anche mandrie di animali, si erano riversati davanti il cancello della Villa stessa per lasciarsi andare in una lunga, salutare e distruggente passeggiata.
Per fortuna, era un bluff!
La Villa, dopo due giorni di apertura, oggi alle 11:45 si trovava così:

E ci sarebbe anche da dire sulla famosa apertura.
Innanzitutto, ieri mattina l'accesso alla Villa era ostruito da un paninaro, da uno zelante privato cittadino che onorevolmente portava avanti la sua attività imprenditoriale. E forse è andata bene così perchè, i pochi sventurati che si sono lanciati all'interno della Villa, hanno potuto constatare che il cancello, sì, era aperto, che le erbacce, sì, erano state tagliate.. Ma le panchine erano comunque tutte distrutte, i muri di contenimento tutti caduti a terra, le Statue della Dea Flora e dell'Autunno ancora abbandonate e il Cafè House ancora lasciato a perire (e questo lo sapevamo già). Tutto è rimasto nel medesimo stato di quando la Villa Comunale è stata chiusa.
Se è rimasta tale e quale, non comprendiamo quali siano stati i motivi che a suo tempo hanno portato l'Amministrazione Comunale a tenere chiusa, per anni, la "passeggiata" descritta da Giuseppe Tomasi di Lampedusa.



Continuiamo a non avere parole adatte per definire un'amministrazione della cosa pubblica, un modo di gestire il paese, che rasenta giorno dopo giorno, il ridicolo.
Ogni giorno che passa, crediamo che peggio non può andare.. Alla fine del giorno, poi ci ricrediamo.
Infine, per non farci mancare nulla, anche il Museo della Memoria, stamattina era chiuso e un gruppo di turisti avranno di certo apprezzato la situazione, sotto il sole cocente, dopo un travagliato viaggio.
DSCN0787[1]  (Ringraziamo il nostro amico Francesco Sciara per le foto)

S. Margherita di Belìce: Discutiamone in Fiera

discutiamone%20in%20fiera(2238) di Francesco Graffeo
Parte stasera alle ore 21, in diretta radio ed anche in streaming video, uno speciale della testata giornalistica di Radio Futura dal titolo DISCUTIAMONE IN FIERA.
Per tre sere consecutive l’emittente esce dagli studi di Menfi, per far parlare i protagonisti dello sviluppo del nostro territorio. In questa occasione l’emittente si trova a Santa Margherita di Belice, e dalla corte della scuola elementare don Bosco (di fronte il distaccamento dei vigili del Fuoco) ha allestito un talk show con ospiti diversi in ogni puntata a tema.

Questa sera  SABATO 3 settembre 2011 si parlerà di UNIONE DEI COMUNI TERRE SICANE. Nel salotto allestito all’aperto saranno ospiti: il Sindaco di Montevago Calogero Impastato, il presidente del consiglio dell’Unione dei Comuni e presidente del consiglio di Santa Margherita di Belice Leonardo Ventimiglia, il presidente del consiglio di Menfi Antonino Buscemi ed il consigliere di Sambuca di Sicilia Francesco Zinna.

Domani sera DOMENICA 4 settembre 2011 saranno presenti nel salotto di DISCUTIAMONE IN FIERA , i tre sindaci di Santa Margherita degli ultimi 15 anni, e cioè Giuseppe Perricone, Giorgio Mangiaracina e Franco Santoro. Invitati anche dei giornalisti locali che potranno dibattere su come Santa Margherita sia cambiata in questi 15 anni di storia. Difficoltà amministrative, progettualità e prospettive di sviluppo che essi hanno lasciato alle future generazioni.

LUNEDI 5 settembre si parlerà di AGRICOLTURA e ZOOTECNIA MARGHERITESE: crisi o sviluppo?
Nel salotto di RADIO FUTURA ci saranno i protagonisti della Cantina Corbera,  ma anche chi ha operato nel campo della zootecnia come il professore Baldo Portolano,  Melchiorre Ferraro, imprenditore margheritese e  l’imprenditore che ha investito nel territorio il Dott. Massimo Todaro. Per la parte politica, l’assessore al ramo Salvatore Carollo.

Conduce la trasmissione il giornalista Onorio Abruzzo. Coordinatore il giornalista Francesco Graffeo.

La trasmissione è in diretta radio sulle frequenze 98Mhz per Sciacca, 98.200 per Menfi , 101,600 per la Valle del Belice. E’ strasmessa anche via web su www.radiofutura.it e anche in video sempre on line su www.radiofutura.it

 


 

S. Margherita di Belìce: sostituito il palo 331

150_medium(2217) Siamo lieti di informarvi che dopo le nostre segnalazioni e la puntuale risposta dell’Ingegnere Capo Lovoy, il “famoso” palo 331, della via Marconi, è stato rimosso nella giornata di ieri e sostituito.

Ringraziamo l’Ufficio Tecnico del Comune per l’attenzione prestata e il rimedio piuttosto rapido trovato. Continua a leggere

Il palo 331 è adesso sicuro – S. Margherita di Belìce

(2213) Ci sembra giusto e doveroso pubblicare la mail giuntaci qualche giorno fa dall’Ingegnere Capo del Comune di Santa Margherita di Belìce, Aurelio Lovoy, con la quale ci informa della messa in sicurezza del palo di pubblica Continua a leggere

Museo aperto e incustodito alle 2 di notte a S.Margherita B.

Museo bitmap(2207) Vi mostriamo un video girato la notte del 10 Agosto 2011. Nel video si vede il Museo della Memoria di Santa Margherita di Belìce, antistante la nostra piazza “Garibaldini Margheritesi” aperto, senza nessun custode e tutto ciò alle ore 02:00 circa. Continua a leggere

Premio Letterario Giuseppe Tomasi di Lampedusa 2011:…. Le serate di… contorno

(2199) di Giacomo Giuffrida Samonà 
A
vevamo promesso, nell’articolo precedente, come, in separata sede, avremmo commentato le serate poste a preludio e …contorno della serata clou della settimana gattopardiana. Eccoci quindi ad assolvere, a questo compito.
Si è cominciato la sera del 30 luglio u.s., con una serata, “Stelle del Gattopardo”, Continua a leggere

S. Margherita di Belice: MASSIMA ATTENZIONE E CAUTELA

palo scoperto 1(2189) Non sappiamo quanto grave possa essere il problema che vi segnaliamo e quanto sia potenzialmente pericoloso, È CERTO comunque che nessuno manderebbe i propri figli a giocare in prossimità di questo palo della pubblica illuminazione. Tale palo, n. 331, è localizzato in prossimità dell’ingresso della Chiesa Madre sito in via Marconi; ATTENZIONE !!!
Il palo è strutturalmente compromesso e lascia scoperti i fili che permettono il passaggio della corrente fino alla lampada. Riteniamo di massima urgenza una sostituzione o ripristino del Continua a leggere

Estate Margheritese 2011: il programma

p018_1_00(2180) Finalmente anche a quasi metà programmazione è stato diffuso un programma ufficiale dell’Estate Margheritese. Da adesso in poi quindi non occorre più essere invitato personalmente per sapere a quale spettacolo la sera si assistere nel cuore margheritese.
Tutto è bene ciò che finisce bene!!!!! Continua a leggere

Altre libere riflessioni di un margheritese

0939df5f77b70761fb13a987c469eb80_medium(2165) Dedichiamo un apposito post ad un’altra interessante riflessione del nostro concittadino Michele Cipolla, come seguito al”dialogo” già avviato giorni fa.
Ai ragazzi del Movimento Giovanile Trasversale per la rinascita di Santa Margherita di Belìce. Continua a leggere