Ripulita via Calvario a Santa Margherita Belìce

di Francesco Sciara
Pala meccanica del Comune in azione, questa mattina, 4 giugno, lungo la via Calvario che costeggia i Ruderi degli antichi quartieri di San Calogero e San Vito, distrutti dal terremoto del 15 gennaio 1968.
I bordi della strada sono stati ripuliti da erbacce e detriti. L’intervento della pala meccanica è continuata in un’area vicina all’autoparco comunale e proseguirà, nei prossimi giorni, in altre zone del centro abitato.

Un primo intervento, piccolo ma concreto, è stato effettuato, dunque, lungo la via Calvario e nella zona dei Ruderi.

L’Amministrazione comunale di Santa Margherita di Belìce e l’ufficio tecnico comunale hanno effettuato, nei giorni scorsi, un sopralluogo nella via Calvario e nello spiazzo del Belvedere dove si erge la Croce. Dal sopralluogo è scaturita la necessità di sostituire la ringhiera in ferro, in parte divelta, che delimita il Belvedere, collocare dei fari lungo la via Calvario e collocare dei sedili. Il tutto per ridare il giusto decoro alla zona dei Ruderi che rappresenta una parte della memoria storica del paese. Dal Belvedere si può ammirare lo splendido paesaggio della Valle del Belìce rappresentato dai colori dei campi coltivati. Si scorgono, in lontananza, i centri di Poggioreale e Salaparuta e il Cretto di Burri, il “sudario” di cemento bianco che ingloba le macerie del vecchio centro terremotato di Gibellina

2 pensieri su “Ripulita via Calvario a Santa Margherita Belìce

  1. ultimo

    Non vi dimenticate di far pulire anche la contrada cannitello,dove sulla curva,che e un punto pericolosissimo,anzi che ne dite sarebbe utile fare una rotatoia per far rallentare le macchine che vengono da montevago,e dalla contrada senia, che qualche automobilista ancora tutt’oggi non sa di chi e la precedenza?

  2. ballottaggio

    Buon inizio!
    Ma questi ruderi che fine faranno? Staranno sempre lì ad imperitura memoria?
    Non sarebbe finalmente il caso di iniziare a “reduricizzare”?
    Comunque si sente e si respira un’aria nuova a Santa Margherita……
    il lavoro è tanto…..ma la buona volontà anche!

I commenti sono chiusi.