Ma che fine ha fatto il Mercato del Contadino a Santa Margherita Belìce?

Che fine ha fatto quell’iniziativa che doveva risollevare le sorti dei nostri coltivatori? Che fine ha fatto la ricreazione genuina che dovevano fare  i bambini della scuola elementare?  Sono modeste domande a cui tutti  possiamo rispondere. Si tratta di un ulteriore fallimento di questa amministrazione. Purtoppo dopo aver trovato quel spumeggiante sito posto dentro il cortile della scuola e dopo non avere mai invitato/aiutato gli agricoltori a partecipare, dopo un paio di giovedi avvilenti tutto è scivolato nel silenzio assoluto.
Fortunatamente il tempo per questa amministrazione è scaduto.

4 pensieri su “Ma che fine ha fatto il Mercato del Contadino a Santa Margherita Belìce?

  1. karim syed architetto

    nn conosco bene le ragioni del mancato funzionamento
    del mercato del contadino

    mi sono chiesto
    ma perchè il mercato è dietro una ringhiera,
    cioè chiuso in una gabbia
    non dovrebbe essere aperto, accessibile
    a guardarlo così sembra un carcere

    karim syed architetto

  2. giacomo giuffrida samonà

    Conan Doyle (autore di Sherlok Holmes) avrebbe detto :”Elementare Watson”, rspondendo all’ambletico interrogativo; ossia,: se si fossero lasciati i gazebi in uno spazio aperto ed incustodito, tempo tre giorni, ragazzi, sfacendati o altro, o “si l’avissiru futtuti” o “l’avissiru rumputi”, ed essendo quello della scuola, l’unico spazio al centro del paese, recintato e custodito (almeno si spera), ovvia, anche se “dietro le sbarre” la location. Credo sia questa la giustificazione di una scelta sostanzialmente logica. Di poi, l’effetto prigione, non c’è affatto, visto che i presumibili imprigionandi (produttori e prodotti) di fatto sono del tutto “latitanti”, nè penso “si costituiranno” mai !! Per cui i gazebi se li godranno pacificamente i ragazzini della scuola a ricreazione. Elementare Watson !!!!! O nò ?

  3. nino.m

    mi permetto di lasciare un commento a questa problematica che riguarda un contesto più ampio e cioè quello dei quattro comuni che fanno parte di quel teatrino chiamato terre sicane.Avendo fatto questa premessa mi corre il dovere di darte ai lettori le giuste informazioni visto che i propositori di questa problematica non fanno altro che attaccare il sindaco Santoro.Capisco che a SMB e in corso la campagna elettorale ma Santoro non centra nulla e vi spiego perchè.a Montevago abbiamo lo stesso problema forse e pure colpa di Santoro?o di impastato che essendo presidente delle terre sicane( ente che ha la competenza per la gestione) non e capace nemmeno di far funzionare il mercato del contadino,noi questo problema ce lo siamo posti e abbiamo presentato una interrogazione per il prossimo c.c

I commenti sono chiusi.