Archivio della categoria: —- Belice

Palermo – Sciacca: “Fondovalle Taxi”, il sistema di mobilità alternativa che fa risparmiare tutti

fondovalle_taxi-590x350-5380670e540ce Dal web si apprende questa lodelvole iniziativa con cui studenti e lavoratori dell’hinterland saccense/belice  trovano opportunità alternative al mezzo pubblico per raggiungere Palermo o per tornare a casa dal capoluogo siciliano, risparmiando, così, sui costi della mobilità. per maggiori informazioni cliccate sul seguente link http://belicenews.it/notizie/comunicati-stampa/sciacca/palermo-sciacca-nasce-fondovalle-taxi-il-sistema-di-mobilita-alternativa-che-fa-risparmiare-tutti/

per aderire cliccate sul seguente link https://www.facebook.com/groups/fondovalletaxi/ 

Don Antonio Riboldi, figura memorabile del Belìce

DON RIBOLDINel 45esimo Anniversario del terremoto e nel 91esimo Anniversario della sua nascita vogliamo ricordare don Antonio Riboldi figura memorabile durante e dopo le nefaste notti del gennaio 1968
Monsignor Antonio Riboldi I.C. (Triuggio, 16 gennaio 1923) è un vescovo cattolico italiano, noto per il suo impegno a favore della legalità e giustizia, sperimentato negli anni del suo ministero pastorale vissuto prima come parroco e poi come vescovo. Continua a leggere

Il Belice al buio, tagliata la luce ai terremotati

ImmagineRiportiamo un articolo di Alfio Sciacca datato 22/08/1992 quando alcuni abitavamo ancora  nella baraccopoli….
Al buio nelle baracche. Per circa cinquemila terremotati della Valle del Belice, devastata dal sisma nel gennaio del 1968, i disagi non hanno proprio fine. Due giorni fa l’ Enel ha interrotto l’ erogazione di energia elettrica nelle baraccopoli di Santa Ninfa e Partanna. E da lunedi’ prossimo resteranno al buio anche Santa Margherita Belice e Menfi. Continua a leggere

Belice. Amianto. 10 milioni di € per bonifica. Ecco il riparto delle somme tra i 21 comuni

Giro-tra-i-ruderi-di-SMB-Bruttezze-9di Francesco Graffeo
Dunque stop  alla presenza dell’amianto di Stato nella Valle Belìce. Si all’avvio di un’azione di risanamento ambientale. Va in questa direzione, l’emendamento di 10 milioni di euro, approvato al Senato, in sede di conversione del DL.76, cosiddetto “Decreto lavoro”. Continua a leggere