S.M.B. Munnizza: l’A.C. ringrazia e i cittadini…….

munnizza o indecori(1699) Dal sito comunale e in alcuni locali paesani, è esposto un manifesto dove l’Amministrazione Comunale e il Sindaco ringraziano i cittadini per aver raggiunto quota 53,45 % per la raccolta differenziata.
E di questo raggiungimento siamo contenti, ma adesso noi del Movimento CHIEDIAMO all’A.C. che oltre ai ringraziamenti  distribuisca a tutti i cittadini i contenitori adeguati per esporre la “Munnizza differenziata” prima della raccolta mattutina per evitare che davanti ad ogni abitazione margheritese si creino indecorosi ed odorosi ingressi abitativi come si vede in queste immagini scattate martedi 7 alle ore 11 per le vie del Paese.
munnizza o indecori
Crediamo infatti che tutto sarebbe più lindo con gli appositi contenitori medi e grandi che in realtà ogni margheritese dovrebbe già avere ma che effettivamnete non tutti hanno.
Anche perche attraverso gli adeguati contenitori si eviterebbero per esempio episodi come quello seguente con protagonista un cane….

munnizza o indecori 
Infine chiediamo sempre all’A.C di creare un’isola ecologica per evitare di vedere questi munnizzari per le strade.

munnizza o indecori Di seguito il manifesto di ringraziamento dell’A.C.

munnizza o indecori

Un pensiero su “S.M.B. Munnizza: l’A.C. ringrazia e i cittadini…….

  1. GaspareViola

    I dati sbandierati circa le percentuali presunte di raccolta differenziata sono falsi ed inattendibili, qui come altrove in Sicilia, nella misura in cui si basano semplicisticamente sul tonnellaggio ricavato svuotando i rispettivi contenitori.
    Non è così che si calcola seriamente la percentuale di differenziata, ma dalla quota parte di rifiuto che viene effettivamente conferita alle rispettive filiere.
    Queste quantità dovrebbero comportare un ritorno finanziario per l’Ente, direttamente proporzionale alla quantità conferite, e – aggiungo – dovrebbe essere il Consiglio Comunale, organo di indirizzo e di controllo deputato all’approvazione del bilancio, a pronunciarsi circa l’utilizzo di queste economie. (In un Comune serio).
    Le economie che dovrebbero scaturire da percentuali significative di differenziata potrebbero tradursi ad esempio in sgravi fiscali a beneficio della collettività , ovvero potrebbero servire per ulteriori investimenti, secondo valutazioni e priorità che dovrebbero essere competenza del Consiglio Comunale. (In un Comune serio).
    Sarebbe interessante conoscere nello specifico le percentuali di differenziata per tipologia (umido, carta, plastica, ecc.) e,  in ordine alla frazione secca che viene conferita ai consorzi di filiera del Conai, il corrispettivo Conai riconosciuto all’ATO, (a fronte delle fatture che l’Ato dovrebbe avere emesso al Conai stesso).
    Di fatto oggi perfino gli spazi pubblicitari che Sogeir compra da TRS per auto-incensarsi sono pagati dalla collettività…
    Ciò detto, è chiaro che l’efficienza di questo servizio dipende in massima parte dal livello di collaborazione da parte dei cittadini, ma è altrettanto vero che i cittadini per collaborare devono essere informati correttamente. 

I commenti sono chiusi.