Regali dalla corsa di karting

Riceviamo da una nostra lettrice, residente nei luoghi dove nei giorni scorsi si sono effettuate le gare di karting, e pubblichiamo..

Sabato 3 e domenica 4 novembre c.a. si è svolta, per le vie del nostr paese, la gara di kart. Bellissima manifestazione, anche se devo dire che ha registrato una bassa presenza di pubblico. Il che è stato un vero peccato! La gente ha perso l’occasione di respirare a pieni polmoni una bella arietta… profumata, di sentire un rumorino… delicatissimo! E ha perso anche l’occasione di notare quanto efficienti erano le misure di sicurezza!

Praticamente, davanti le case site lungo il perimetro del circuito, compresa casa dei miei genitori, non c’era nessun sistema di sicurezza: bastava aprire la porta per trovarsi in mezzo alla pista. Il che, onde evitare di avere spiacevoli “regali”, ci ha costretti a rimanere segregati in casa per 2 giorni! Nessuna via di scampo, chiusi fra le nostre 4 mura domestiche! Però sono lieta di darvi una bella notizia: chiunque si sia perso quanto vi ho appena detto, ha ancora la possibilità… a distanza di 4 giorni… di poter godere di quanto lasciato dalla manifestazione: paglia ovunque, bottiglie di plastica, scritte lungo l’asfalto, cartoni, bicchieri e spazzatura varia. Mi chiedo: per quanto tempo ancora dovremo sopportare?
E’ possibile che qualche buon samaritano prenda atto di tutto ciò mandando qualcuno a pulire le strade, visto che paghiamo la TARSU (profumatamente direi), oppure dobbiamo ansiosamente guardare tutte le sere il meteo nella speranza che il buon Giuliacci ci annunci l’arrivo di venti in grado di liberare le vie del circuito?
Abbiamo subito 2 giorni di manifestazione, ma almeno lasciateci le strade pulite! Inoltre vorrei consigliare agli organizzatori, di cui apprezzo gli sforzi fatti e l’impegno dimostrato, di evitare di organizzare manifestazioni in cui a farne le spese, a causa della carenza di fondi, è la sicurezza sia dei piloti che dei cittadini tutti. In attesa di un riscontro dell’Amministrazione Comunale e nella speranza di non assistere nuovamente a un evento simile, allego qualche testimonianza di quanto detto!

Giusi Bavetta

 

4 pensieri su “Regali dalla corsa di karting

  1. Obbiettivo!

    Concordo con la scrittrice del presente post, sulla richiesta di pulizia immediata delle strade; una manifestazione, non può affatto lasciare sporco il sito utilizzato, o meglio, può farlo ma deve essere compito degli organizzatori o dell’amministrazione, pulire e far tornare tutto com’era subito dopo la cune della manifestazione. Non sono invece d’accordo sugli applausi di Giusy, sull’organizzazione e sui relativi sforzi: non sono un intenditore di go-kart, ma di certo sono un attento osservatore e non credo ci sia stato un rispetto globale delle norme di sicurezza, e per i piloti e per i pochi spettatori che hanno assistito alla gara! Il Sig. CIACCIO (organizzatore dell’evento), dovrebbe capire che se l’amministrazione comunale non ha soldi, non ha senso ed è pericoloso, organizzare una gara ai limiti della praticabilità; invece di offendersi o mettere il muso contro un assessore o il sindaco perché non si può organizzare la gara, che si andasse a cercare degli sponsor che possano finanziare la gara, arricchendo il tracciato di un ulteriore attrazione: la sicurezza!
    Ritorno economico per le attività commerciali, non ne ho visto, gente in massa divertita passare 2 giorni in armonia, non ne ho vista… non dico che non si debbano organizzare più gare cittadine, dico solo che una maggiore bravura e attenzione nell’organizzazione non guasterebbe, soprattutto nei dettagli. Se non ci sono i soldi, certe manifestazioni, sarebbe meglio non farle.

    P.S. A quanto pare il comunicato dell’Arch. Cacioppo, aveva il suo perché e questo post, ne da parzialmente conferma, conferma che arriva da una residente in un abitazione, sita all’interno del tracciato come Giusi Bavetta.
    E’ bello e lodevole che le persone vogliamo spendersi nell’organizzazione di eventi e manifestazioni, ma se la situazione socio-economico-cullturale a SMB deve cambiare, di certo, queste, sono fondamenta di paglia, quindi valutiamo bene l’evento da organizzare in ogni aspetto: economico, finanziario, sicurezza, attrattivo e partecipato.

    Chi vivrà, vedrà!

    1. chico

      io da cittadino a chi dovrei chiedere conto al sig paolo ciaccio o al signor sindaco? obiettivo voto -300

      1. Obbiettivo!

        Secondo te a chi dovresti chiedere conto? Secondo me ad entrambi; è compito di entrambi garantire pulizia, sicurezza e ordine pubblico, in percentuali diverse ovviamente, dipende dalle competenze di e dagli accordi contrattuali! Chico, il mare di Porto Palo, età abbastanza fresco oggi? Vieni da un tuffo dal porto!
        Chico, voto 2, tramortito!

  2. tritacarne

    qualche giorno fa sul movimento c’era una lettera di protesta per la nn sicurezza del tracciato che invitava le persone a fare un corteo….bastava aderire in massa….

I commenti sono chiusi.