Nasce il Movimento Studentesco Informale

Abbiamo già parlato di un problema che riguarda i pendolari che giornalmente si recano negli istituti superiori dei paesi vicini, e cioè il pagamento di una percentuale del prezzo del biglietto, a causa dei tagli operati dalla Regione Siciliana ai costi dei trasporti.
Giorni fa avevamo pubblicato l’appello di un ragazzo del Comitato degli studenti, oggi siamo contenti di pubblicare un comunicato ufficiale a nome del “Movimento Studentesco Informale”.

Gentile “Il Movimento”,

siamo un gruppo di studenti pendolari che gradirebbe dell ‘ ascolto di un mezzo di comunicazione come il vostro.

 Ci rivolgiamo a voi per presentare la questione riguardante la creazione del Movimento Studentesco Informale (definito <informale> poiché al momento privo di statuto), che nasce in seguito agli ultimi dibattiti (uno in particolare tenutosi al consiglio comunale mercoledì 3 ottobre c.a.) circa il pagamento di una percentuale richiesto alle famiglie margheritesi al fine di assicurare il trasporto studenti  presso le scuole medie superiori dei paesi limitrofi.

Noi studenti, autori di tale movimento, ci stiamo impegnando,non solo con la nostra attiva partecipazione, ma anche tramite assemblee dove studenti e non possano avanzare le proprie idee, opinioni e conoscenze in materia.

Il vostro blog si propone un mezzo in cui condividere tutto ciò che riguarda la società, l’economia, lo sport e quante altre tematiche del comune  margheritese, quindi quale altro mezzo migliore del vostro possa sostenerci?

Siamo lieti di rivolgerci a voi perché crediamo fortemente in un cambiamento. Noi ragazzi con il nostro piccolo contributo partecipativo diamo testimonianza di una “Santa Margherita di Belice” che vuol dare una scossa e voi, a nostro parere, potreste esserne il  “megafono”.

Abbiamo creato anche un gruppo facebook, in cui condividiamo pensieri e opinioni in merito all’accaduto delle ultime settimane.

Trovate  qui in allegato anche la versione digitale della scheda di adesione per entrare nel nostro movimento.

8 pensieri su “Nasce il Movimento Studentesco Informale

  1. Gruppo a sciogliere

    Leggo con piacere che i giovani di Santa Margherita si costituiscono in un movimento informale (tipo grillini … senza statuto) nato solo quando la loro paghetta.. si è vista ridotta dopo che il governo regionale ha tagliato del 20% il loro abbonamento, fino ad ora gratuito per andare in bus a studiare nei paesi limitrofi.
    Lodevole l’iniziativa di creare un gruppo sul social network fbk, ma è strano che poi chi vorrebbe credere “fortemente in un cambiamento. Noi ragazzi con il nostro piccolo contributo partecipativo diamo testimonianza di una “Santa Margherita di Belice” che vuol dare una scossa e voi, a nostro parere, potreste esserne il “megafono”” abbiano creato un GRUPPO CHIUSO, a cui posso accedere solo gli adepti!. Complimenti giovani del domani!.

  2. Felice Ferraro

    A certi commenti”anonimi” e, francamente, inutili, noi del Movimento studentesco informale non vogliamo rispondere.
    Pavidi a parte, vogliamo chiarire alcuni punti in questione.
    .1 Non siamo un movimento politico, bensì un movimento autonomo e sociale . Cosa poco frequente nel nostro paesino.
    .2 Il nostro “neo-movimento” non si limita al mondo del web, siamo ragazzi e sotto alcuni punti di vista, siamo poco ( o per niente) esperti. Ci stiamo muovendo con cautela per evitare di commettere errori anche banali. Inoltre, stiamo distribuendo delle schede di adesione che trovate anche sul nostro gruppo.
    .3 Noi studenti siamo è aperti a tutti. Qualsiasi persona (che non si mantenga nell’anonimato) può avanzare proposte. Non avendo però momentaneamente uno statuto è logico capire che il progetto è appena uscito dalla sua fase “embrionale” e che tocca a noi ragazzi dettare la linea da seguire
    Infine, come dice il sign.re Manno, il primo muro l’abbiamo incontrato. E’ l’ottusità e la chiusara mentale di certa gente che, come la chiesa del 500-600, che rifiutava e condannava come pazzo ma anche “eretico” Galileo Galilei solo per aver detto la verità scientifica, ci bolla come “Movimento da sciogliere” e da deridere.

    Parte di S. M Belice è pronta al rinnovamento autonomo, il resto ancora no. Che tristezza!

  3. andrea morrealo

    cari ragazzi, non spendete soldi per registrare lo statuto. infatti da qualche giorno ho sentito al tele giornale che la regione sicilia in accordo con il governo nazionale hanno sbloccato i soldi del Patto di Stabilitã. ció ha valenza non solo per il trasporto degli alunni ma anche per i forestali, precari ecccc..
    pertanto caro felice ferraro puoi ritornare serenamente a studiare la regione rischiava di togliere una bella mente dalla scuola chiudi l`associazione e studia. ciaooooo

  4. Alessandra

    Siate grandi ragazzi, voi siete il futuro !!!! Non arrendetevi ai primi acquazzoni…. purtroppo in questa nostra quotidianeta’ ce n’e’ veramente tanta di gente “””STRANA E AVVELENATA”” con le lingue biforcute di cui una la usano x leccare il 33 e l’altra x avvalersi di meriti che non gli competono. Complimenti ancora!!!!

  5. anna76

    complimenti ragazzi, siete la speranza del nostro paese, il futuro inizia da voi, dal vostro coraggio nel dire ciò che pensate e dalla vostra determinazione. Buon lavoro

  6. VitoTriolo

    non metto in dubbio la sua utilità in quanto gruppo, come si suol dire l’unione fa la forza…anche perchè il diritto allo studio è garantito dalla costituzione che sencisce l’impegno delle autorità pubbliche alla rimozione di quegli ostacoli di ordine economico-sociale che caratterizzano il cammino di individui capaci e predisposti allo studio. ora per intenderci va bene che il tesserino lo paghi l’amministrazione ma purchè venga utilizzato per and a scuola e nn a lu stazzuni….

I commenti sono chiusi.