L’Ars sospende i commissariamenti

girgenti (568) Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato stampa del Comune di Menfi…….
Acqua, i Comuni ottengono dall’Ars la sospensione dei commissariamenti
Menfi, 26/03/09 – Un sospiro di sollievo per i comuni che rischiano  la privatizzazione dei propri servizi idrici. L’Ars ha approvato all’unanimità un ordine del giorno che impegna il governo regionale a sospendere sino al 30 luglio i commissariamenti dell’Arra, Agenzia regionale dei rifiuti e delle acque. Ne dà notizia Michele Botta, sindaco di Menfi, che esprime grande soddisfazione per questo provvedimento fortemente richiesto dai primi cittadini contrari alla privatizzazione del servizio idrico. Martedì scorso i “sindaci ribelli” erano stati ricevuti dai gruppi parlamentari dell’Assemblea regionale. “E’ un’altra importante tappa verso il traguardo finale – dice Botta – ossia la legge che ci affranchi dalla privatizzazione mantenendo l’acqua pubblica, partendo dall’iniziativa popolare o, come ci è stato prospettato dai capigruppo dell’Ars, con la possibilità che il Parlamento regionale possa farla propria, lavorando sullo stesso fronte dei cittadini e di noi sindaci in questa battaglia per un diritto universale”.

 [email protected]

3 pensieri su “L’Ars sospende i commissariamenti

  1. utente anonimo

    Si firma presso la farmacia Viola…..io ho firmato, chi è interessato lo faccia!

    Accursio

  2. Anonimo

    tratto da :http://www.agrigentoweb.it/vergogna_7735/

    _______________________________

    Pensate nei prossimi mesi può succedere anche a NOI

    _______________________________

    Girgenti acque rovina la Pasqua agli agrigentini

    Girgenti acque ha lasciato a secco per sette giorni i quartieri a valle della città. Sono le vie che secondo quanto comunicato e solennemente promesso dall’amministratore delegato della società, Giuseppe Giuffrida, dovrebbero ricevere l’acqua tutti i giorni. Le vie per una intera settimana sono state diligentemente inserite tra quelle interessate dai turni di distribuzione. Ed invece niente. L’acqua non si è vista ed è stata una settimana di passione.

    Girgenti acqua, insomma nel caos, alle prese con una disorganizzazione da fare spavento. Sì, perché si segnala il grave inconveniente e ti rispondono che c’era una rottura nei pressi di villa Genuardi e che il fontaniere si era dimenticato a comunicarlo e quindi le vie venivano inserite in turno anche se non sarebbe stata distribuita l’acqua. Complimenti!

    Il guasto, però assicurano, è stata riparato e che l’acqua sarà erogata. Siamo a Sabato, vigila di Pasqua. L’acqua però non arriva. Addirittura fanno sapere che hanno data l’acqua dal mattino alle 16 del pomeriggio. Ma quale acqua. Tutto falso, con la gente imbestialita.

    Se ne parla lunedì, giorno di Pasquetta. L’acqua, siamo alle 11 del mattino, a ancora non si vede. Fanno sapere ancora che hanno risolto il caso. C’è un guasto lungo la condotta. Ma come. Il guasto non era stato già individuato nei pressi di villa Genuardi e già riparato? Come avevano fatto a dare l’acqua sabato dal mattino alle 16 del pomeriggio, se la condotta era rotta? Insomma una presa in giro e almeno a Pasqua le bugie non si dicono.

    Girgenti acque, insomma, è purtroppo non è la prima volta, nella confusione, non in grado di gestire e di fronteggiare un guasto, con la gente che ritrovatasi con i recipienti vuoti è stata costretta ricorrere ai bidoni ed a riscaldare l’acqua nei tegamini per potersi fare il bidè. Ed in casa c’erano parenti venuti da fuori. “Ma dove vivete”, hanno detto. Già, ma dove viviamo.

    Vergogna!!!!

I commenti sono chiusi.