La Poesia

mafia e antimafia(150) Riportiamo  le profonde e bellissime parole espresse da una nostra giovanissima concittadina. Si tratta di una poesia scritta appositamente per la manifestazione  “Mafia e Antimafia tra ieri e oggi”.
Questa poesia è stata premiata come MIGLIOR COMPONIMENTO

LA MAFIA, TRA IERI, OGGI E DOMANI

Oh terra mia
cosi bella e splendente
con un sole raggiante
ma cosi poca gente
che parte, che muore
a causa di un pizzo
che non vuole pagare.

Oh che dolore
quest’uomo d’onore
che rovina famiglie
e non ha cuore.

Sicilia mia bella
con mille paesaggi
e un mare d’incanto
sei anche un’inganno…
con questa mafia che è al comando!

Ma se guardo più infondo
in questa parte del mondo
c’è un lato migliore
e ringrazio il Signore
che ci ha dato uomini,valorosi e forti,
che hanno avuto coraggio
e che poi sono morti !

Ma la loro forza
è diventata un esempio
per tutti coloro
che di giustizia han bisogno
e se uniti lotteremo
allora sì che la mafia batteremo.

3 pensieri su “La Poesia

  1. utente anonimo

    Cari ragazzi, un giorno ritornando da lavoro ho salutato mio figlio che frequenta la Prima Media e di botto mi ha chiesto “PAPA’ MA LA MAFIA COS’E’?” Preso di sorpresa ho chiesto come mai mi avesse fatto questa domanda e lui per tutta risposta mi disse che dovevano fare con altri compagni un disegno per partecipare ad un concorso e quindi voleva sapere cosa disegnare. Io allora con parole semplici ho cercato di spiegargli i sopprusi gli omicidi e gli imbrogli che i mafiosi hanno compiutoe compiono. Ma vi debbo dire che mio figlio non l’ho visto convinto della mia risposta. Dopo qualche giorno, grazie all’operato di una professoressa, ho visto invece più consapevolezza sul significato di Mafia e di Antimafia sapeva chi erano stati Borsellino e Falcone e per quale motivo erano morti “Sono morti per cercare di liberarci dalla mafia”.

    Grazie alla vostra iniziativa che è stata molto stimolante e significativa per noi adulti, è stata sopratutto vera scuola per i nostri figli. Grazie a voi e agli insegnanti hanno giocato colorando i disegni ma hanno sopratutto imparato cosa si nasconde dietro la parola mafia.

    Purtroppo parlando poi con altri miei amici ho saputo che non tutte le classi o per meglio dire non tutti gli insegnanti hanno voluto partecipare a questa iniziativa.

    Chissa poi perchè?

    Genitore felice Margheritese deluso

  2. utente anonimo

    Si dice sempre che si deve cominciare dalla scuola… chissa’ cosa lega questi insegnanti alla voglia di NON fare conoscere l’evento e parlare di mafia con i loro ragazzi. Sarebbe interessante che qualche insegnante che non ha voluto (far) partecipare desse le sue motivazioni (non dovute, per carita’) anche in forma anonima.

    Saluti

I commenti sono chiusi.