Gentile sindaco Impastato..

Riceviamo e volentieri pubblichiamo..
Gentile sindaco di Montevago (AG), Calogero Impastato, tutta Italia in questi giorni si prepara a celebrare nel modo più degno possibile il ventennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Da Nord a Sud sarà tutto un fitto calendario di eventi per ricordare due grandi magistrati e due grandi uomini, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e con loro Francesca Morvillo e i ragazzi delle scorte, che coscientemente hanno sacrificato il bene più grande per assicurare la nostra libertà.

Eventi che avranno ospiti importanti come magistrati, rappresentati delle forze dell’ordine, giornalisti in prima linea, ad un unica condizione: che non abbiano problemi giudiziari in ambito mafioso. Già, molti potrebbero pensare che sia superfluo, ma a chiarire le cose c’ha pensato Maria Falcone che ha espressamente chiesto, per esempio, al presidente della Regione Sicilia, di non partecipare alla commemorazione del fratello: “Abbiamo invitato tutte le principali autorità locali”, spiega Maria Falcone. Con l’eccezione, appunto, di Raffaele Lombardo, accusato dalla procura di Catania di concorso esterno all’associazione mafiosa. “Lombardo – dice Maria Falcone – è imputato per mafia. La Fondazione Falcone, per lo spirito che la anima, non può invitare un esponente politico che ha avuto contatti di questo tipo”.

E anche lo stesso Lombardo, bisogna ammetterlo, ha avuto il buon gusto di declinare tutti gli inviti in questo senso: “Ho deciso di non prendere parte alla celebrazioni in ricordo del magistrato Falcone per evitare imbarazzi, soprattutto miei e per rispetto alle vittime della mafia che si ricordano”.

Pensavamo tutti fosse finita qui, prima di apprendere dalla stampa che a Montevago sono in programma una serie di eventi per ricordare il 23 maggio e si dà come certo l’intervento dell’imputato per mafia Lombardo all’intitolazione dell’aula consiliare alla memoria dei due giudici; eventi a cui Libera, unica associazione antimafia presente sia a Montevago che a Santa Margherita di Belice, non è stata in alcun modo invitata. Ognuno, per carità, invita chi vuole: c’è chi vuole accanto a sé le vittime, chi gli imputati per mafia.

Pare che questa idea blasfema, volgare e arrogante sia venuta al giovane presidente del Consiglio comunale, che in virtù di qualche centinaio di voti capitalizzati alle elezioni, pensa di potersi permettere di stravolgere le regole del buon senso e della memoria. Un giovane (per fortuna che sono loro la speranza…) che non esita, pur di far colpo sul capo del suo partito politico, ad invitare un uomo che ha avuto rapporti, secondo l’accusa, con la mafia catanese. Per fortuna molti altri giovani sono diversi da lui.

Con questa lettera aperta le chiedo, signor sindaco, di annullare immediatamente l’invito al presidente Lombardo e di non attendere che sia egli a rinunciare. Di questo gesto dovrete spiegazioni ai vostri concittadini e soprattutto ai familiari dei due magistrati che sono stati da noi prontamente avvertiti.

In attesa di un suo riscontro,

si porgono saluti di circostanza.

Antonietta Borsellino,
Coordinatrice presidio Libera di Santa Margherita di Belice e Montevago, familiare di due vittime innocenti della mafia (se fossero stati mafiosi forse saremmo stati invitati dal presidente del Consiglio).

36 pensieri su “Gentile sindaco Impastato..

  1. mah

    Ma dove sta il problema, se nel comunicato del Sindaco è espresso a chiare lettere che non verrà Lombardo ma un delegato….

    Comune di Montevago
    Provincia di Agrigento
    Il Sindaco
    COMUNICA

    che l’Amministrazione e la Presidenza del Consiglio Comunale, per commemorare il 20°anniversario della tragica “Strage di Capaci”, si sono fatti promotori della manifestazione “Insieme nella Legalità” .
    Pertanto, tra il 18 e il 23 maggio, verranno promosse una serie di attività che vedono coinvolte le scuole del territorio.
    In particolare, giorno 23 alle ore 10:00, sarà celebrata la cerimonia Ufficiale d’Intitolazione della Sala Consiliare ai Magistrati “Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”.
    Interverranno :
    L’On. Roberto Di Mauro, Deputato all’ARS, delegato dell’On.Raffaele Lombardo, Presidente della Regione Sicilia;
    Il Prof. Eugenio D’Orsi, Presidente Provincia regionale di Agrigento;
    Il Magg. Gaetano La Rocca, Comandante Compagnia C.C. di Sciacca; Dott.
    Il Dott. Nicolò Monteleone, Presidente della 3′ Sez. del T.A.R. SICILIA;
    Il dott. Andrea Genna, Presidente del Tribunale di Sciacca;
    Il Dott. Vincenzo Pantaleo, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Sciacca.

    Il Sindaco
    Calogero Impastato

  2. Occhio

    E no furetto, nel primo comunicato diffuso anche da giornalista Graffeo il testo era un altro… Lombardo era l’invitato, non la ruota di scorta e si diceva che avrebbe partecipato!

  3. caricosu

    E’ evidente anche ai più distratti che se si invia un delegato, l’invito è rivolto al Presidente. Come si potrebbe, altrimenti, inviare un delegato senza aver ricevuto un invito?
    Mah!

  4. Filippo

    Il problema non è chi interverrà ma chi è stato invitato e da chi è stato invitato! Complimenti al Presidente del Consiglio che, se è vero il vero ideatore dell’invito, conferma ancora una volta di non essere all’altezza dell’importante carica che ricopre e complimenti ancora maggiori a chi ha avallato questa idea di cattivo gusto!

  5. tritaCarne

    secondo me il presidente non sa che FALCONE E BORSELLINO sono stati uccisi dalla mafia…sa un’altra storia…e questo invito al lider del partito di cui fa parte è ridicola…ah mio caro presidente…xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

    ————
    NOTA DEL MOVIMENTO:
    Se dissentite dalle scelte del Presidente del Consiglio Comunale di Montevago, fatelo liberamente ma senza offendere. Il Blog è un luogo civile per dibattere e crescere e non per abbattere e regredire culturalmente!

  6. Nino Mauceri

    il gruppo consiliare di minoranza di Montevago “uniti per Montevago”prende le distanze da questa manifestazione organizzata dalla amministrazione impastato e dal presidente del consiglio che per giustificare di avere invitato il presidente della regione che è accusato di mafia dice di avere ricevuto una nota dove si dice che al su posto è stato delegato l’on Di Mauro.Forse l’onorevole Di Mauro rappresenta il governo siciliano?Ancora più grave perchè questo presidente invece di ricordare le vittime di quel tragico periodo pensa ad altro e cioè che quel giorno si dovrebbe celebrare la festa dell’MPA.Questo per noi rappresenta uccidere per la seconda volta quei martiri della legalità.

  7. abusivo

    Che meschinità…. quanta polemica fatta d’aria fritta ,,,,,
    chiedo ad ognuno di voi dei firmatari delle note e lettere: ma siete sicuri di non avere un peccato…. siete sicuri di poter scagliare qualche pietra….
    Duemila anni fa qualcono disse: CHI NON HA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA … ma attenzione qui vedo tanti peccatori… ma tutti si ergono a paladini…. ed a guardare di trovare pagliuzze negli occhi dell’altri e non vedono la trave nel proprio …. Ma chi ci guadagna in questa polemica sterile?

  8. nino bavetta

    Meno male che per l’intitolazione, Falcone e Borsellino, dell’aula consiliare di Montevago al posto di Raf Lombardo viene L’On. Roberto Di Mauro, Deputato all’ARS, ovvero delegato dell’On.Raffaele Lombardo, (da ottobre) ex Presidente della Regione Sicilia ed ex incensurato.
    La cultura dell’antimafia non ha niente a che fare con la politica e sopratutto niente a che fare con la mafia!
    PS: Non mi sembra poi che questa sia una polemica d’aria fritta, ricordiamoci che molti, volutamente, sminuivano gli eventi mafiosi di venti e più anni fa considerando i mafiosi stessi degli individui folkloristici facenti parte del paesaggio locale, poi SONO ARRIVATE LE STRAGI!
    PS2: se era una polemica d’aria fritta non penso che il DIO DEGLI ABUSIVI in persona si sarebbe lasciato andare a prediche su pagliuzze e pietre; io, invece, vedo solo travi e MONTAGNE DI MERDA.

    1. caricosu

      Se essere indgati per associazione mafiosa, se invitare uno indagato per associazione mafiosa, se considerare gli assassini di Falcone e Borsellino più tutte le altre centinaia di persone piccoli peccatori, ……se tutto questo è pagliuzza ….. se questa è semplicemente una sterile critica ……
      io voglio cambiare Paese!
      Credo che non si abbia più senso di VERGOGNA!

  9. Pirandello

    Abusivo, piuttosto che contare le pietre ti inviterei a riflettere sulla delicatezza della situazione. Da montevaghese mi sento profondamente in imbarazzo; chiedo di scusarmi, a nome della Montevago per bene, nei confronti dei familiari vittime della mafia per lo stile (di bassa corte) dimostrato dall’amministrazione montevaghese.

  10. Giggi

    Quanta agitazione per nulla.
    A mio modesto modo di vedere le cose, nel leggere l’articolo e i commenti che vi hanno fatto seguito, noto quanto spirito di protagonismo, incoerenza e maliziosità c’è nelle parole scritte.
    L’invito esteso al presidente della regione (non al capo di un partito o alla persona Lombardo) è stata una prassi che andava fatta perchè ad organizzare la manifestazione è un ente istituzionale comunale, non un’ associazione ideologica o partitica, ed era pertanto giusto inoltrare gli inviti a tutte le componenti istituzionali di maggiore livello presenti in Sicilia.
    Ci piaccia o no è questo il presidente della regione che ci ritroviamo, e di questo dobbiamo ringraziare anche il Partito Democratico Sicilia (nel quale il consigliere di minoranza che ha commentato milita, anzi ne è il segretario partitico a Montevago) che ne ha garantito la maggioranza in assemblea regionale.

    Non voglio comunque continuare a polemizzare perchè la manifestazione prevista a Montevago è una cosa seria, che va al di sopra di queste futili polemiche da bar, è un evento austero e di tutto rispetto, che si terrà in un paese che negli ultimi decenni è stato turbato dalle associazioni mafiose!! E’ questo il messaggio che deve passare e che passerà!!
    Il vero spirito antimafia non è polemizzare sul mancato invito o sull’invito di troppo, non appartiene esclusivamente a un’associazione o a un partito politico, ma è dentro l’animo di ogni persona onesta e corretta, e che grazie a tali manifestazioni viene rinnovato e inculcato nelle menti dei più piccoli.

    1. Occhio

      Giggi, a via di dire menzogne finisce che ti smentiscono: “L’invito esteso al presidente della regione è stata una prassi che andava fatta perchè ad organizzare la manifestazione è un ente istituzionale comunale”. Falso, Maria Falcone non lo ha invitato, nonostante i suoi eventi siano patrocinati da Governo, Presidente della Repubblica, dal Comune di Palermo ecc. Polemiche da bar? Sciacquati la bocca quando parli dei familiari delle vittime di mafia!

      1. tritaCarne

        in tutta la sicilia ci sono manifestazioni per il ricordo delle stragi…ci sono amimnistrazioni che scelgono di invitare giudici, magistrati, gente che lotta contro la mafia….in tutta la sicilia nessuno pensa di invitare LOMBARDO solo noi…inteso come amministrazione montevaghese siamo riusciti a far venire una persona indagata per mafia!io come montevaghese me ne vergogno!e non mi sento rappresentato da questa gente!.

  11. giuseppe calasanzio

    caro abusivo la prima meschinità è non avere il coraggio di scrivere un nome e un cognome sotto quello che si afferma, l’anonimato è uno dei cardini della mentalità mafiosa e di sicuro tu non hai tale mentalità….o no?. Fare antimafia non è obbligatorio ma quando si decide di farla bisogna farla senza se e senza ma, prima di tutto per rispetto di tutte quelle vittime innocenti che per questo sono morte . Se si decide di intitolare un’aula consiliare ai giudici Falcone e Borsellino è perchè si condivide ciò che hanno fatto nella loro vita ma anche ciò che hanno detto e l’eredità che ci hanno lasciato. Ora non voglio ricordarti quello che Paolo Borsellino disse a proposito dell’atteggiamento che la politica deve avere nei confronti di chi è in “odore di mafia”, perchè sicuramente tu conoscerai a memoria quelle parole e quindi o le si condividono oppure non è il caso di intitolargli un’aula consiliare solo perchè così fan tutti.Per quanto riguarda il famoso detto che citi se fosse vero allora non potremmo scagliare pietre nemmeno contro riina ,provenzano, messina denaro ecc., e se così è ti chiedo dall’alto della tua saggezza di illuminaci su come dovremo comportarci da oggi in poi . Cordialmente Giuseppe Calasanzio

  12. giuseppe calasanzio

    caro giggi(visto che pare sia questa la prassi) tralascio la prima parte del tuo scritto perche penso non meriti nessun commento, posso giustificarti solo perchè sono convinto che tu non abbia la minima idea di chi è la persona che ha scritto la lettera, per quanto concerne il resto forse ti sfugge un piccolo dettaglio la manifestazione in programma non è l’inaugurazione di una scuola ma una manifestazione antimafia e proprio per questo non si può invitare una persona che al momento è indagata per concorso esterno in associazione mafiosa sia esso il presidente della regione Sicilia o anche il presidente della repubblica

  13. Giuseppe

    Caro Giggi,tu dici che è semplicemente un invito al presidente della regione a prescindere da chi sia costui…allora ti chiedo come mai a Palermo sono stati invitati Monti e Napolitano e il nostro presidente della regione invece non ha ricevuto l’invito,chissà come mai…eppure rappresenta l’istituzione…comunque da montevaghese mi vergogno per la scelta effettuata di invitare un imputato per mafia a tale manifestazione dimostrando il fatto che il presidente del consiglio o chi per lui non ragionano prima di fare le cose…la mancanza poi di un’associazione come Libera che ha svolto un gran lavoro nei nostri comuni ne amplifica la mancanza di buonsenso di questa amministrazione…e rimango sdegnato dal fatto che saranno presenti a quanto pare anche gli istituti scolastici?quale lezione potranno imparare da un imputato per mafia che parla di due eroi come Falcone e Borsellino?e mi riferisco anche alla presenza dell,on. Di Mauro che anche se non indagato ma è pur sempre un rappresentante di costui…e ho visto questo come una pezza per riparare al danno visto che i manifesti appesi ai bar citano ancora l’intervento del presidente….Vergogna!

  14. Giggi

    Vi ricordo che il presidente della regione ha ricevuto svariati inviti da parte di diversi comuni, anche da quello di palermo, per partecipare alle manifestazioni previste per il 23 maggio, cosa tralaltro menzionata nella lettera scritta dall’attivista di Libera, firmatrice della stessa. Questo semplicemente perchè è l’attuale presidente della regione in carica e come prassi l’invita gli va esteso. Fortunatamente tra i pochi pregi che l’attuale governatore possiede c’è il buonsenso di non partecipare e inviare rappresentati del governo regionale. Se fosse stata l’associazione libera a organizzare tutto, allora poteva estendere gli inviti a chi voleva, ma in questo caso un ente comunale è normale che inviti le cariche istituzionali regionali. Ma poichè si vuole essere maliziosi ecco che ci mettiamo a scrivere assurdità e offese gratuite. Ponete fine a queste inutili critiche e uniamoci nel ricordo di chi nel lottare contro la mafia ha perso la vita.

    1. ayeye brazorf

      ehi giggi, speriamo che sia l’ultima figuraccia (tra le tante) che fai, visto che restano ancora 4 anni che si prospettano, ahimè, lunghissimi e di passione. chi malafiura

  15. Pirandello

    Giggi, forse hai ragione….mettiamo fine alle critiche, ma ti invito a estendere al ricordo delle vittime anche il RISPETTO. un sentimento, mi sembra di capire, piuttosto raro di questi tempi

  16. giuseppe calasanzio

    caro presidente giggi(a proposito come faccio a lottare assieme a te se non so chi sei) ti consiglio di farti tradurre la lettera da qualcuno che capisca la lingua italiana perchè dovresti spiegarmi dov’ è scritto nella lettera che altri comuni hanno invitato il tuo presidente al contrario si legge:” Maria Falcone (sorella del Giudice) ha espressamente chiesto al presidente della Regione Sicilia di non partecipare alle commemorazioni del fratello”e continua ” Abbiamo invitato tutte le autorità con l’eccezione di raffaele lombardo”.Si dà invece atto al presidente di avere rinunciato a partecipare a qualsiasi manifestazione relative all’anniversario, questo dimostra che lui possiede un briciolo di dignità in più di chi, nonostante tutto lo ha invitato.Infine per colmare in parte la tua ignoranza ti comunico che l’attivista di libera, come tu la chiami, è la Signora Antonella Borsellino che nella sua vita ha dovuto piangere prima il fratello e poi il padre (Paolo e Giuseppe Borsellino Vittime innocenti della mafia ) quindi prima di parlare di altro dovresti imparare ad avere rispetto per chi da anni è in prima linea nella lotta alla mafia e ci mette la faccia e il petto e non come te che non hai nemmeno il coraggio di mettere il tuo nome sotto ciò che dici.Dovresti almeno avere il coraggio di vergognarti.giuseppe calasanzio

  17. Giggi

    Caro giuseppe calasanzio, ti ringrazio per l’attributo “presidente” riferitomi, ma è un termine improprio perchè ad oggi non ho ancora avuto il piacere di ricoprire una simile carica, nonostante la mia età.
    Probabilmente le mie conoscenze sull’italiano saranno deficitarie, ma da questa frase ” E anche lo stesso Lombardo, bisogna ammetterlo, ha avuto il buon gusto di declinare tutti gli inviti in questo senso” si evince che l’attuale presidente della regione e dei cittadini siciliani, ha ricevuto diversi inviti.
    Inoltre l’articolo pubblicato su repubblica.it , sezione di palermo, pubblicato in data 18 maggio ( http://palermo.repubblica.it/dettaglio-news/18:14/4165926 ) ci informa del fatto che anche la Prefettura di Palermo ha esteso l’invito al governatore della Sicilia a prendere parte alla manifestazione centrale in ricordo di Falcone che si terrà a Palermo il 23 maggio. Allora perchè non inoltrare la lettera di contestazione anche alla prefettura di Palermo?

    Nei miei interventi ho solamente criticato le polemiche nate su un invito di troppo e su di un invito mancato, polemiche futili che distolgono dal vero significato di questo momento di ricordo. Riguardo il rispetto delle persone e il mio pensiero sulle associazioni malavitose io provo profondo disgusto per tutto ciò che le associazioni mafiose hanno fatto in Italia e che purtroppo continuano a fare, così come provo profonda compassione e rispetto per tutte le vittime di mafia e per i loro familiari che hanno subito una grave perdita affettiva.
    Rinnovo l’invito ad un momento di unione tra i cittadini siciliani e non, affinchè via sia un momento di profonda riflessione riguardanti tematiche importanti come queste.

  18. ayeye brazorf

    ehi cremeria…. un invito di troppo e un invito mancato..??..
    giggi, si chiama autocritica, ammetti che avete sbagliato, non essere sempre così strafottente, la lotta alla mafia è na cosa seria. la prossima volta gli inviti e le partecipazioni estendile senza fare ste malafiure.
    ci vediamo in consiglio.

  19. giuseppe calasanzio

    caro giggi comincio seriamente a pensare che tu abbia un problema nel tratto anatomico che porta le parole scritte dall’occhio al cervello, perchè non riesco a trovare nell’articolo di repubblica, che tanto sbandieri, dove è scritto che altri comuni hanno invitato il tuo presidente, testualmente si legge:”Ieri la prefettura mi ha formalmente invitato….”.Ora mi chiedo 1) ti è chiara la differenza tra comune e prefettura?. 2) Ti risulta che il prefetto abbia organizzato manifestazioni per la ricorrenza?. 3) Riesci a citarmi,documentandolo, un altro comune che abbia invitato il tuo presidente come ha fatto il comune di Montevago?. Ora ammesso e non concesso che come tu dici il tuo presidente sia stato invitato da altri comuni, e così non è, questo di per se non significa che sia giusto farlo, ma solamente che purtoppo saresti in buona compagnia nella nostra martoriata Sicilia, o eri convinto di essere l’unico in questa regione ad avere un rapporto complicato con la propria dignità. Con cio ti saluto e ti anticipo che qualsiasi cosa continuerai a scrivere non ti rispondero più prima di tutto perchè riesco con molta difficoltà a parlare con uno che non ha il coraggio delle proprie azioni e ha bisogno di nascondersi dietro l’anonimato per dire quello che pensa e poi perchè ritengo di averti già dedicato molto più tempo di quello che meriti. Giuseppe calasanzio

  20. maria

    Leggendo la lettera inviata dalla coordinatrice del presidio Libera al Sindaco di Montevago, mi sarei aspettata intanto un incoraggiamento e un plauso per l’ iniziativa avuta dall’ Amministrazione Comunale di Montevago che, a differenza di tanti altri comuni che fanno passare inosservate tali tristi ricorrenze, ha avuto la sensibilità, il coraggio e l’orgoglio di ricordare questi due grandi magistrati vittime di mafia, simbolo di una lotta contro le mafie e la mafiosità, dedicando loro la sala consiliare del comune di Montevago.
    L’ obiettivo dell’ associazione Libera di cui la signora è coordinatrice locale è quello di “costruire una comunità alternativa alle mafie” (corruzione, illegalità, sorprusi…).
    L’ Amministrazione Comunale di Montevago ha sempre agito in tal senso, organizzando, anche negli anni precedenti, manifestazioni mirate alla diffusione degli ideali di giustizia e libertà in una cittadina già abbastanza colpita dal fenomeno mafioso. Mi risulta che anche l’ associazione Libera ha ricevuto finanziamenti da parte di questa e della precedente amministrazione, a dimostrazione della sensibilità nella lotta alla mafia.
    Penso, cara coordinatrice, che questo non sia il momento di fare polemica, ci sarà tempo dopo.
    Penso piuttosto che questo sia il momento del rispetto, della riflessione, della sensibilizzazione ma soprattutto dell’ UNIONE di tutti i cittadini (invitati e non) affinchè insieme si possa costruire una società libera e rispettosa della legalità.
    Mi sarei aspettato questo da lei, cara coordinatrice, e non il puntare i riflettori sulla forma più che sulla sostanza, usando toni offensivi ed arroganti nei confronti di un “giovane” che è stato democraticamente eletto Consigliere e Presidente, che fa il politico per passione e non per professione, mettendosi giornalmente al servizio della comunità, trascurando anche gli affetti più cari e che ha commesso il “grave reato” di aver invitato, per dovere istituzionale, tutte le più alte cariche dello Stato.
    Penso che i toni da lei usati possono solo incitare all’ odio e alla tensione.
    In questo momento ciascuno di noi si preoccupa non di fare polemica ma di fare il proprio dovere di cittadino onesto dando il personale contributo.
    Mi auguro che questi miei pensieri possano indurla a riflettere, a evitare l’inutile polemica, a moderare i toni offensivi e arroganti e ad avere più rispetto per gli altri!

    1. Benny Calasanzio Borsellino

      Gentile Maria, il cognome non importa, come il nome, che certamente non sarà quello vero. Ma farò un sforzo. Per lei si dovrebbe incoraggiare un’Amministrazione Comunale che invita un imputato per mafia all’intitolazione di un’aula consiliare a due vittime innocenti della mafia, giusto? Per lei elargire dei finanziamenti (dovrebbe dire anche l’entità per correttezza, perché la gente immagina che siano molti soldi altrimenti) come a tutte le altre associazioni e per gli scopi più variegati dovrebbe imporre il silenzio a chi li riceve? Chiedere spiegazioni al sindaco di un Comune su un fatto così delicato equivale a incitare all’odio e alla tensione? Il fatto che anche la professoressa Maria Falcone abbia chiesto un passo indietro non le suggerisce nulla? Le pongo queste domande per chiederle, infine, su quale mondo lei viva, su come le venga in mente di dire certe cose e se lo fa gratis. Perché se qualcuno la pagasse sarei più tranquillo.

  21. Giggi

    Premetto che condivido pienamente le parole di Maria e con quest’ennesima risposta spero di fare l’ultimo mio intervento su questa discussione.

    Continuo a ringraziare tutti coloro che mi attribuiscono il ruolo di consigliere o di presidente, mi dispiace per voi ma non sono ne l’ uno e ne l’altro, sono un semplice cittadino che si interessa della vita politica e sociale del territorio belicino.

    Marito della coordinatrice di libera, firmatrice della lettera, vedo che oltre ad avere elevate doti linguistiche noto che possiedi anche un vasta cultura anatomica e funzionale del sistema nervoso.
    Vedo, inolte, che vi piace giocare molto con le parole, deformare i concetti che uno esprime e rispondere a cosa volete voi. Magari se sono più sintetico ti viene più complicata quest’opera di trasformismo. Non credi che il prefetto di Palermo debba anche lui vergognarsi per avere formalmente invitato l’attuale governatore della Sicilia a partecipare a tutte le manifestazioni del 23 maggio?

    Ecco qui l’articolo di giornale
    Palermo, 18 mag. – (Adnkronos) – “Ieri la Prefettura di Palermo mi ha formalmente invitato a partecipare a tutte le manifestazioni del 23 maggio, ma io non andro’ lo stesso. Non perche’ Maria Falcone non mi voglia ma perche’ voglio evitare imbarazzi”. Lo ha detto Raffaele Lombardo, Presidente della Regione siciliana, a chi gli chiede se prova dispiacere per la dichiarazione di Maria Falcone che nei giorni scorsi aveva detto di non volerlo alle manifestazioni all’aula bunker alla presenza del Capo dello Stato e del premier Monti. “Non andro’ neppure il 24 maggio a Corleone dove andra’ Napolitano per le esequie di Placido Rizzotto – ha continuato – andra’ l’assessore Missineo”.

  22. lillo 1965

    ……..nei confronti di un “giovane” che è stato democraticamente eletto Consigliere e Presidente, che fa il politico per passione e non per professione, mettendosi giornalmente al servizio della comunità, trascurando anche gli affetti più cari……..
    A proposito del Presidente del Consiglio, visto tutte queste sue qualità, cosa aspetta a pubblicare i Consigli Comunali On-LINE.Cosi facendo il Comune farà proprie le raccomandazioni dell’Unione Europea affinché le pubbliche amministrazioni locali siano parte attiva nella costruzione della società dell’informazione.

    Al Presidente del Consiglio comunale di Montevago
    e p.c. – Ai Consiglieri Comunali
    – Al sig. Sindaco
    Oggetto: Consiglio Comunale OnLine
    Egregio Presidente del Consiglio comunale di MONTEVAGO; apprezzando il senso di responsabilità e l’impegno umano da lei perseguito fino ad oggi , la invito ad impegnarsi affinché il concetto della TRASPARENZA nei processi amministrativi e nei rapporti tra Istituzione e cittadino diventi fattore fondamentale e affinché si possa dare la possibilità al cittadino di CONOSCERE e poter INTERLOQUIRE.
    Per realizzare quanto sopra scritto e rendere visibili tutti i momenti della vita amministrativa del consiglio comunale , perchè non trasmettere in diretta streaming le sedute del consiglio comunale?
    Perché non dare, inoltre, la possibilità di rivedere le sedute trascorse, registrate e mantenute in apposito archivio onLine, consultabile da parte del cittadino?
    In campagna elettorale la lista di cui lei fa parte ha dimostrato grande interesse verso il web, mettendo in rete, integralmente, comizi, spot, dibattiti, incontri e convegni; non è un peccato recidere quel “ cordone ombelicale” che vi legava ai cittadini del web?
    Immagini quanti cittadini della rete potrebbero usufruire di questo servizio, e quanti cittadini impediti, per malattia, lavoro, handicap, età, o perché emigrati, potrebbero venire a conoscenza di quello che accade all’interno di ogni singolo consiglio comunale, divenendo, così, partecipi;
    P.S.: Dopo l’installazione di una rete di connessione gratuita in piazza municipio sarebbe auspicabile estendere tale servizio all’intero territorio urbano, così da dare a tutti la possibilità di accedere gratuitamente ad internet, oggi più che mai diventato sevizio di Pubblica Utilità.
    Sicuro di un positivo riscontro della presente, colgo l’occasione per porgerle i miei cordiali saluti.
    Montevago, lì 07/12/2011
    Mauro Salvatore

    lillo 1965

  23. lillo 1965

    Io ho deciso di partecipare alla manifestazione di SCIACCA!!!
    IL 23 Maggio 2012 ricorre il ventennale della strage di Capaci, in cui rimasero vittime il giudice G.Falcone, la moglie F. Morvillo e gli agenti della scorta.

    Per commemorare tale avvenimento tragico e in concomitanza alle azioni di savaguardia del Tribunale di Sciacca, il direttivo del comitato della Perriera ha proposto al tavolo tecnico per la salvaguardia del tribunale di Sciacca la realizzazione di una manifestazione civile che possa coinvolgere tutte le nostre istituzioni, i magistrati del tribunale saccense, le componenti sociali del territorio, i rappresentanti delle forze dell’ordine locali, il sindaco e la nuova giunta, i rappresentanti politici e i cittadini tutti.

    La manifestazione consisterà in una messa commemorativa dei caduti di Mafia e soprattutto di coloro che persero la vita nella nominata strage di Capaci.

    La messa si svolgerà nei pressi dalla chiesa B.M.V. di Loreto alla Perriera il 23 Maggio alle ore 19:00.

    In seguito alla messa un corteo si dirigerà verso il Tribunale per un abbraccio simbolico che riteniamo sia il giusto riconoscimento che noi cittadini vogliamo dare al lavoro degli operatori della giustizia tutti e sarà ancora un’occasione per dire con forza che noi cittadini crediamo in questa istituzione e non vogliamo perderla.

    Il Direttivo del Comitato della Perriera
    lillo 1965

  24. Los_meriglio

    Brutta faccenda, una gran bella buccia di banana. Indipendentemente dal fatto se si conoscono o no i commentatori il fatto e’ che l’amministrazione ha agito in maniera superficiale, basta soffermarsi sui commenti. Sarebbe buona cosa che sindaco o presidente del consiglio dicessero qualcosa, ma se non dicono nulla sono curioso di vedere l’anno prossimo chi inviteranno, si può scommettere fin da ora che non ci sarà nessun indagato, meglio nessun sospettato, neanche nessuno che abbia preso un gatto con la macchina. Quella si che sarebbe una bella ammissione della superficialità dimostrata nell’organizzare un evento come questo che ha acceso tale bagarre.
    Lezione: si deve stare attenti, ricoprire una carica pubblica importante non attribuisce onorabilità, occorre invitare a manifestazioni importanti e ufficiali persone che appaiano
    oneste e non solo che siano oneste da certificato penale (l’ho messo a titolo preventivo, non sia mai che qualcuno tirasse fuori il casellario giudiziale di Lombardo).
    L’amministrazione non ha fatto una bella figura, affermiamolo e se i potesse tornare indietro sindaco, presidente del consiglio, entrambi o chiunque abbia avuto la malsana e superficiale idea di invitare il presidente della Regione non lo rifarebbe.
    Salute e attenzione a chi ricopre cariche pubbliche, non siete a giocare a indovina che viene a cena, siete ad amministrare una collettività e non potete permettervi superficialità e in questo caso entrat in contatto con sensibilità personali che meritano rispetto. Attenzione almeno per le prossime volte giacche’ indietro non si torna

    Ps ma che ci incastrano i consigli on line?

  25. fanta day

    cari amici ,lasciate in pace il nostro caro amato sindaco…..e il nostro magnifico presidente del consiglio !!
    dopo tutto la nostra illustrissima seconda carica istituzionale del paese deve ancora completare il periodo di rodaggio……..amministrativo!!
    Speriamo finisca presto altrimenti la prossima volta finiamo su STRISCIA LA NOTIZIA..

I commenti sono chiusi.