Concorso: Io nato dopo le stragi

Qualche giorno fa abbiamo scritto un post dal titolo Concorso “Io nato dopo le stragi (qui trovate l’articolo) indirizzato all’attenzione dell’ass. Sig.ra Vita Morreale.
Considerato il fatto che non sappiamo se l’assessore sia una lettrice del nostro blog, abbiamo inoltrato la nostra garbata segnalazione alla sua Casella di posta istituzionale, nell’auspicio di un suo riscontro in merito, meglio se positivo (anche perché non ravvisiamo motivi oggettivi per un riscontro negativo).   Cordialmente
Il Movimento

Un pensiero su “Concorso: Io nato dopo le stragi

  1. rino maggio

    scrivo questa lettera aperta al movimento in quanto penso che sia doveroso nei riguardi dei miei concittadini descrivere un episodio che purtroppo può riguardare tutti noi . Descrivo il particolare per poi arrivare alle dovute considerazioni. Oggi pomeriggio mi chiama al telefonino mio figlio” papà sono caduto mi sono tagliato con la bici” ,corro e lo trovo disteso a terra quasi svenuto ha un taglio al polpaccio che sanguina.corro al pronto soccorso tutto e chiuso, nello scantinato trovo un operatore del 118 il quale gentilmente mi dà una mano disinffeta la ferita mette una garza mi dice se vuole ci può portare a Sciacca ma e lo stesso se ci vado direttamente con la mia auto. Corro a Sciacca e vado a trovare un pronto soccorso intasato non esagero decine di persone con il codice verde come defiscono mio figlio come tutte quelle persone che dovranno aspettare ore per essere visitate da un dottore . Considerazioni ….mettetevi nei miei panni . voi padri di famiglia ,voi madri, voi semplici cittadini …noi che abitiamo in questo paese dove paghiamo tasse di ogni genere perchè lo stato ci fornisce dei servizi definiti vitali vi sembra normale tutto questo…alcuni anni fà avevamo fatto uno sciopero per tale motivo volevamo che il nostro ospedaletto rimanesse aperto perchè nelle situazioni di emergenza trovavamo un punto aperto dove si poteva dare subito un primo importante soccorso.Oggi abbiamo un ospedaletto chiuso, un 118 che non può dare soccorso perchè gli operatori sono dei semplici autisti che al massimo possono portarti a Sciacca ad intasare per ore ore il pronto soccorso di quello ospedale . Allora perchè si è chiuso il nostro quando quello di Sciacca è sempre pieno e non riesce ad essere un pronto intervento .Chi ha fatto queste scelte, chi ha portato avanti le chiusure dei piccoli ospedaletti in favore dei 118 che non riescono ad essere veramente efficienti perchè mancano i soldi per infermieri specializzati che già possono operarare senza intasare i pronto soccorso di Sciacca Ribera ecc…Miei concittadini non dobbiamo vivere nella apatia nel pensare che tanto non ci rigurda o ancora peggio che gli altri debbano trovare le soluzioni, le vittime potenziali di questa situazione siamo tutti noi nessuno escluso. Oggi la nostra sicurezza sanitaria è disastrosa da terzo mondo chilometri e chilometri di distanza ore e ore di attesa.Ricordo a me stesso che chi ha fatto politica o sta facendo politica o vorra fare politica deve mettere al primo punto la soluzione di questo problema di vitale importanza . Cordiali saluti Rino Maggio

I commenti sono chiusi.