Acqua pubblica: si sollecita una legge regionale

Riceviamo una proposta da un nostro amico concittadino e la giriamo anche a voi. 
Martedì 6 marzo 2012, alcuni sindaci e cittadini del Forum
Italiano dei Movimenti per l’Acqua, si sono incontrati davanti la sede dell’Assemblea Regionale Siciliana per sollecitare l’inizio dell’iter parlamentare di approvazione di una legge regionale sul servizio idrico che finalmente tenga conto del risultato referendario.
 Verso mezzogiorno è sceso in piazza l’On.le Ammatuna per assicurare che, presso la Sottocommissione competente, i lavori sono già iniziati e sono già stati formulati i primi rilievi al Progetto di Legge. Il Forum ha avanzato altresì la richiesta che l’iter parlamentare per l’ approvazione definitiva si concluda prima delle prossime consultazioni elettorali.
Sarebbe forse il caso che tutti i cittadini, ciascuno per le proprie disponibilità di tempo, manifesti in qualche modo l’adesione a simili iniziative. I cittadini di Menfi, sindaco in testa, sono molto più interessati di noi. Non potremmo almeno provare a imitarli? anche seguendo con più attenzione e coscienza civile la questione della centrale (inceneritore) che a breve potrebbe sorgere anche nel nostro territorio?
Grazie
Michele Cipolla

Brochure L’Acqua non si vende

Vademecum L’Acqua non si vende

Un pensiero su “Acqua pubblica: si sollecita una legge regionale

  1. lupu85

    art 1 comma 2 della costituzione: la sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della costituzione…..è ancora cosi???

I commenti sono chiusi.