Emergenza tutela ambiente a Montevago e Santa Margherita

Riceviamo e pubblichiamo, scusandoci per il ritardo..
E’ notizia di questi giorni che la società Enel Longanesi Developments S.r.l. ha ottenuto il permesso, dalla Regione Sicilia, denominato “MASSERIA FRISELLA”, a eseguire ricerche di idrocarburi liquidi e gassosi in un’area ubicata nelle province di Agrigento, Palermo e Trapani, e per quello che ci riguarda,  ricadente in parte nei territori dei comuni Montevago e Santa Margherita di Belice.

Dunque il nostro delicato territorio sarà oggetto di trivellazioni di pozzi, per la ricerca di idrocarburi, profonde migliaia di metri.

A detta del geologo Carmelo Orlando, che scrive su Repubblica, tali trivellazioni potrebbero rappresentare un potenziale rischio per il nostro già delicato territorio a rischio sismico.

Ovvero le vibrazioni provocate dalle trivellazioni a queste profondità  potrebbero liberare un’energia tale da provocare un sisma.

Immaginate ora, se queste trivellazioni rivelassero che il nostro territorio è ricco di giacimenti di idrocarburi.

Il nostro territorio sarebbe sicuramente destinato  a subire una  violenza macroscopica, per la costruzione di piattaforme petrolifere e strutture per il convogliamento del petrolio verso serbatoi o oleodotti, che a mio giudizio comprometterebbe per sempre  quel labile equilibrio  che c’è tra il paesaggio e lo sviluppo sostenibile.

I danni sarebbero incalcolabili, non solo per il nostro paesaggio, ma peggio ancora per la nostra economia, in quando si comprometterebbero per sempre tutti quei progetti di sviluppo legati al turismo e alla stessa agricoltura.

Come fermare tutto ciò?

Come difendere il nostro territorio da questi continui attacchi delle multinazionali, che già con le loro politiche di profitto hanno messo in ginocchio la nostra agricoltura?

La parola magica  è “P.E.A.C.” (piano energetico ambientale comunale) di cui tutti i comuni siciliani si dovrebbero dotare al fine di fermare queste inaudite speculazioni delle multinazionali.

Con l’approvazione del P.E.A.C. il parere dei comuni, per la realizzazione di una qualsiasi opera, sia essa un parco eolico, una centrale di biomassa (vedi MENFI) e nello specifico perforazione petrolifere sarebbe ineludibile.

Mettendo la parola fine a questo aberrante connubio che c’è tra le multinazionali  e la regione Sicilia, che rilascia questi permessi in barba ai pareri dei comuni interessati.

N.B.
La cosa sconcertante, vista la gravitù del problema, è che i nostri sindaci non sono stati capaci di coinvolgere e sensibilizzare la cittadinanza organizzando dei consigli comunali aperti per intraprendere opportuni provvedimenti.
Il termine per eventuali osservazioni è il 27 aprile 2012.

P.S.: già  ho avuto modo di suggerire ai ragazzi del movimento durante la stesura del programma partecipato proposto recentemente su queste pagine  l’inserimento dell’approvazione del P.E.A.C. a tutela del proprio territorio.

E sono ben felice leggendo il programma del candidato a sindaco FRANCO VALENTI di trovare la proposta di approvazione del P.E.A.C. per la tutela del territorio e delle risorse naturali.  

MONTEVAGO,  LI  26/04/12                                     

Mauro Salvatore

9 pensieri su “Emergenza tutela ambiente a Montevago e Santa Margherita

  1. scrutatorenonvotante

    E’ l’ora di mobilitarci e di far sentire la nostra voce. Non lasciamoci trascinare in cose senza sapere a cosa ci portano! Dobbiamo rimanere passivi (calati juncu chi passa la china) o organizzare una manifestazione di protesta?
    La nostra terra già straziata per altri motivi che noi tutti sappiamo, deve ancora essere martoriata da multinazionali che senza scrupoli attuano e realizzano opere al solo scopo dei loro rendiconto???
    Usciamo dalla nostra abulia che ci ha sempre contraddistinto e facciamo sentire la nostra voce di contrrietà!
    Imitiamo il popolo della TAV!

  2. scrutatorenonvotante

    Sarebbe auspicabile che nei prossimi comizi, che i candidati a Sindaco affronteranno, si sentisse da parte loro un appello alla cittadinanza per una mobilitazione per evitare lo scempio territoriale che i GRANDI stanno cercando di realizzare!
    Dimostrerebbero davvero che al nostro territorio ci tengono! Ma non credo che i due abbiamo gli attributi per fare ciò!
    Spero che Valenti faccia suo questo problema e, a prescindere dall’esito delle urne, possa davvero dimostrare che lui è uno di noi!

  3. anna

    mobilitiamoci subito già a partire da questo momento fondiamo un comitato per opporci a questo scempio, stasera stessa in un angolo della piazza iniziamo a raccogliere le firme. Ragazzi del Movimento siete molto seguiti muovetevi e muoviamoci, difendiamo la nostra terra.

    1. ilmovimento Autore articolo

      Noi mettiamo sin da adesso a disposizione la nostra piattaforma telematica per la diffusione di messaggi a difesa del territorio. Crediamo però che però ogni azione va pensata e attuata a fianco della nuova amministrazione che a giorni avremo. Quindi è nostro auspicio riprendere questo discorso al cambio amministrativo avvenuto, chiunque sia il candidato sindaco vincitore (Valenti o Maggio).
      Nel frattempo siamo ben felici di raccogliere quante più idee e proposte possibili su come articolare questa nostra “resistenza”.
      Grazie.

  4. lillo 1965

    MAURO SALVATORE
    VIA MARINA INGLESE, n.4
    MONTEVAGO AL SIGNOR SINDACO COMUNE
    DI MONTEVAGO
    AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
    A TUTTI I CONSIGLIERI COMUNALI

    OGGETTO: Richiesta di convocazione urgente di un consiglio comunale aperto ai cittadini di MONTEVAGO.
    Il sottoscritto MAURO SALVATORE, alla luce degli ultimi avvenimenti, che hanno interessato il nostro comune, ovvero, il permesso della Regione SICILIA alla società Enel Longanesi Evelopments S.r.l., denominato “MASSERIA FRISELLA” a eseguire ricerche di idrocarburi liquidi e gassosi, nel nostro territorio comunale, la Richiesta di autorizzazione per la realizzazione di un Impianto di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile eolica ricadente nel territorio dei Comuni di Menfi (AG), Montevago (AG) e Castelvetrano (TP) e delle relative opere connesse e infrastrutture indispensabili alla costruzione ed all’esercizio dello stesso, nonché per la costruzione della stazione di trasformazione MT/AT e di consegna e connessione in AT alla RTN 150/220 kV ricadente nel comune di MENFI (AG) – Avviso di avvio di procedimento amministrativo di esproprio per pubblica utilità.La realizzazione di tali opere, a mio giudizio, minerebbe in maniera irreversibile la stabilità del nostro territorio e l’intera economia turistica e agricola.
    CHIEDE alla S.V. di convocare urgentemente un consiglio comunale aperto a tutti i cittadini di MONTEVAGO al fine di discutere tali problematiche e mettere in atto tutti assieme energiche iniziative.
    Tanto per dovere.
    MONTEVAGO, li 02/05/2012

  5. scrutatorenonvotante

    Perchè non organizzare un banchetto “raccolta firme” nel giorno di domenica 6 maggio per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento?
    Io sarei disposto a dare la mia disponibilità ed il mio tempo!
    ….è un’idea, la butto qui….
    Ciao a tutti!

    1. anna

      sinceramente l’ho pensato anche io, dmenica tutta la città si mobiliterà per andare a votare, io sono scrutinatrice se ero libera avrei dato una mano, un banchetto nel cortile della scuola con un bel manifesto informativo.sono certa che tutti firmeranno, nel caso di Santa Margherita ne dovremmo approfittare considerata la coincidenza con le votazioni

  6. Giuseppe

    cari anna e scrutatore,io insieme ad altri due amici ci stiamo già muovendo per fare una raccolta firma,pensiamo per la domenica successiva alle elezioni.se volete dare il vostro contributo mi potete contattare
    Giuseppe Bavetta di Montevago 3291805281

I commenti sono chiusi.